Cameri, Polizia locale e Carabinieri mettono in guardia: «Attenti alle truffe fuori dai supermercati»

In forte aumento le segnalazioni di truffe nel novarese

La Polizia locale camerese, insieme al Comando dei Carabinieri di Cameri, hanno deciso di offrire ai cittadini del territorio un vademecum su come difendersi dalle truffe visto che, nell’ultimo periodo, hanno registrato un aumento di segnalazioni specie fuori dai supermercati.

«Abbiamo ricevuto diverse segnalazioni su alcune nuove modalità di truffe messe in atto al di fuori dei supermercati – hanno dichiarato le Forze dell’ordine. Quella più utilizzata è la tecnica del carrello: i delinquenti posizionano un carrello dietro alla vettura della vittima che è costretta a scendere per spostarlo. In quel momento, i ladri nascosti dietro ad un’altra vettura, aprono lo sportello e sottraggono borse e altri oggetti. Un’altra tecnica spesso messa in atto è quella della moneta: i truffatori lasciano alcune monete a terra vicino l’auto della vittima a quel punto avvisano la stessa di scendere dalla propria auto a raccogliere le monete che hanno perso dalle tasche lasciando incustodita la zona del passeggero. A quel punto i ladri sottraggono tutto quel che hanno a portata di mano».

«Infine – concludono – abbiamo registrato un’altra modalità di truffa ancor più grave: un furgoncino bianco Doblò – è stato segnalato diverse volte – gira per i parcheggi regalando fantomatiche cassette di frutta in cambio di una mancia o offerta. Le vittime, una volta presa la cassetta e tirato fuori il portafoglio, si vedono sottrarre dalle mani tutto il contenuto del portafoglio o, peggio, raggirati con un resto di soldi falsi. Il nostro consiglio è quello di non scendere mai dall’auto, mai lasciare la borsa sul sedile anteriore e, soprattutto, segnalare immediatamente qualsiasi manovra sospetta al 112. Purtroppo le segnalazioni sono in netto aumento, pertanto, guardia alta».

Condividi:

Facebook
WhatsApp
Telegram
Email
Twitter

Condividi l'articolo

© 2020-2022 La Voce di Novara - Iscrizione al registro della stampa presso il Tribunale di Novara

Paolo Pavone

Paolo Pavone

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

SEGUICI SUI SOCIAL