Briona, sequestrate tre tagliole e lacci metallici per la cattura di animali

I Carabinieri Forestali hanno segnalato alla Procura un cittadino italiano, residente in provincia di Vercelli, per i reati di furto venatorio e maltrattamento di animale

I Carabinieri Forestali di Novara, coadiuvati dalle guardie dell’Ente di Gestione Aree Protette Ticino e Lago Maggiore, a seguito di complessa attività di indagine, ha segnalato alla Procura della Repubblica di Novara un cittadino italiano, residente in provincia di Vercelli, per i reati di furto venatorio e maltrattamento di animale.

I fatti sono stati accertati nell’ambito di controlli sull’attività di gestione dell’azienda agrituristico-venatoria “S. Bernardino, all’interno della Garzaia di S. Bernardino, parte del sistema naturalistico delle Garzaie Novaresi. Si tratta di una Zona di Protezione Speciale (ZPS), area naturalistica di pregio sottoposta a protezione rafforzata dalla legislazione europea, nazionale e regionale.

L’indagato è stato intercettato, in flagranza di reato, mentre posizionava una tagliola e si accingeva a prelevare un esemplare di gazza dalla stessa catturato.

Nel giorno antecedente era stata catturata, con analoghe modalità, una faina, piccolo mustelide, protetto dalla normativa nazionale di tutela della fauna. L’animale veniva prontamente affidato alle cure veterinarie del caso per il recupero delle gravi ferite riportate.

L’indagato è stato, pertanto, fermato e tutti gli strumenti di caccia rinvenuti in loco, una tagliola e due lacci metallici, sono stati sottoposti a sequestro. La successiva perquisizione dei locali dell’azienda ha portato a rinvenire ulteriori due tagliole e circa dieci metri di filo metallico, compatibile con quello utilizzato per la realizzazione dei lacci di cattura.

Tutto il materiale è stato sequestrato. Gli animali, prontamente recuperati, sono stati sottoposti alle cure del Rifugio Miletta e se ne auspica una piena guarigione con successivo rilascio in natura.

Le modalità della cattura, del tutto non compatibili con il lecito esercizio dell’attività venatoria, hanno condotto alla contestazione dell’ipotesi di reato del furto venatorio. La fauna selvatica, infatti, è patrimonio indisponibile dello Stato ed ogni atto di prelievo della stessa, al di fuori delle modalità e tempi regolamentate dalla normativa di riferimento, configura l’ipotesi di reato del furto aggravato.

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su email
Email
Condividi su twitter
Twitter

Condividi l'articolo

Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su reddit
Condividi su vk

© 2020-2021 La Voce di Novara - Iscrizione al registro della stampa presso il Tribunale di Novara

Redazione

Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

SEGUICI SUI SOCIAL

Condividi

Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su email

Sezioni