Amnesty davanti all’ambasciata dell’Iran a Roma: «Ahmad sia rilasciato»

«Ahmad sia prosciolto da ogni accusa, sia rilasciato e possa finalmente riabbracciare la sua famiglia». Una rappresentanza di Amnesty International si è ritrovata proprio questa mattina, martedì 2 marzo, a Roma, davanti all’ambasciata dell’Iran per chiedere la liberazione del ricercatore iraniano di cui da novembre 2020 non si hanno più notizie. Djalali, imprigionato nell’aprile 2016, dal novembre scorso è in isolamento nel carcere di Evin.

La sua esecuzione è stata rimandata due volte, ma di fatto non si hanno altre e nuove informazioni. Anche Novara farà di nuovo sentire la sua voce, sempre oggi davanti a Palazzo Cabrino: l’appuntamento è fissato per le 18.

 

© 2020-2021 La Voce di Novara - Iscrizione al registro della stampa presso il Tribunale di Novara

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su email
Email
Condividi su twitter
Twitter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *