All’hub vaccinale con protesi in silicone: sarebbe un odontoiatra sospeso dal proprio ordine

Filippa Bua, l'infermiera che l'ha smascherato: «Gli ho chiesto perché fosse venuto, visto che noi non siamo lì per giocare»

All’hub vaccinale con protesi in silicone: sarebbe un odontoiatra sospeso dal proprio ordine professionale, non un dipendente dell’Asl di Biella, il cinquantenne che ieri ha provato a ottenere il Green Pass con un escamotage decisamente insolito. Lo riferiscono diversi media nazionali nelle ultime ore. Il che spiegherebbe la risposta fornita all’infermiera: «Mi ha detto che era obbligato per lavoro, ma non avrebbe voluto farlo», spiega Filippa Bua (nella foto) in una videointervista a Repubblica, in cui ricostruisce anche la dinamica dell’episodio (vedi qui).

Il 50enne, dopo aver affrontato il colloquio medico e aver compilato tutta la documentazione, era arrivato fino al momento della somministrazione. «Mi sono accorta che il braccio sinistro aveva un colorito che non mi convinceva – continua l’infermiera – ho toccato la parte e mi sono ritratta perché qualcosa non andava. Ho pensato di avergli chiesto di pormi il braccio con dei problemi, dove aveva subito un’amputazione». Bua si è quindi sentita anche in imbarazzo. Ma in quel momento l’odontoiatra si è sentito scoperto e ha iniziato a sorridere, cercando la complicità dell’infermiera, fino a chiederle di procedere con l’iniezione. Ma la professionista è stata irremovibile e ha subito informato i medici presenti.

Nel frattempo il “furbetto del Green Pass” ha svelato le proprie carte: «Indossava un mezzo busto da scena», racconta Bua, che di fronte a quella scena è rimasta «allibita e sconvolta. Gli ho chiesto perché fosse venuto, visto che noi non siamo lì per giocare».

La notizia, diffusa ieri sera direttamente dalla Regione Piemonte, è rapidamente girata in tutta Italia.Una vicenda particolarmente grottesca, che ha suscitato indignazione ma anche ilarità. Il presidente della Regione Alberto Cirio è tornato sul tema affermando che «non c’è nulla da ridere, anzi la situazione è molto grave, perché questo gesto offende la serietà del sistema sanitario piemontese». Nel frattempo l’Asl di Biella ha sporto denuncia e segnalato l’episodio alla Procura, l’odontoiatra potrebbe essere perseguito per il reato di truffa.

Leggi anche:

Dentista non vaccinato trovato al lavoro: i Nas gli sequestrano lo studio

Condividi:

Facebook
WhatsApp
Telegram
Email
Twitter

Condividi l'articolo

© 2020-2022 La Voce di Novara - Iscrizione al registro della stampa presso il Tribunale di Novara

Elena Ferrara

Elena Ferrara

Nata a Novara, diplomata al liceo scientifico Antonelli, si è poi laureata in Scienze della Comunicazione multimediale all'Università degli studi di Torino. Iscritta all'albo dei giornalisti pubblicisti dal 2006.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

SEGUICI SUI SOCIAL