A Novara il primo giorno della scuola ucraina: «Insegniamo lingua, cultura e letteratura»

Primo giorno questa mattina, 16 settembre, per la nuova scuola ucraina avviata dalla parrocchia della Madonna del Carmine, punto di riferimento della comunità. In aula sedici piccoli alunni, da 6 a 8 anni, negli spazi di corso Italia 48 (ex sede del quartiere Centro) concessi dal Comune.

«La scuola è attiva tutti i sabati mattina dalle 10 alle 13 – spiega Marjana, mediatrice culturale e docente insieme a Yurii e Iryna -. Le lezioni sono di lingua ucraina, letteratura, catechismo e tutto quello che riguarda la cultura del nostro Paese di origine. Tutti e tre abbiamo un diploma da insegnante e ci siamo divisi le materie. Dopo una riunione con i genitori, abbiamo deciso di iniziare con i bambini più piccoli e se le lezioni si avvieranno bene, apriremo i corsi anche per quelli più grandi: alcuni sono arrivati dopo la guerra, altri sono nati qui ma parlano poco italiano».

Questa mattina al suono della “prima campanella” c’erano anche i genitori oltre a padre Yuriy Ivanyuta, parroco della chiesa del Carmine, da sempre in prima fila per la comunità ucraina, e Paolo Cortese, in veste di coordinatore dell’accoglienza dei profughi.

Condividi:

Facebook
WhatsApp
Telegram
Email
Twitter

Condividi l'articolo

© 2020-2024 La Voce di Novara - Riproduzione Riservata
Iscrizione al registro della stampa presso il Tribunale di Novara

Cecilia Colli

Cecilia Colli

Novarese, giornalista professionista, ha lavorato per settimanali e tv. A La Voce di Novara ha il ruolo di direttore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

SEGUICI SUI SOCIAL

Sezioni

A Novara il primo giorno della scuola ucraina: «Insegniamo lingua, cultura e letteratura»