Calcio D: Gozzano programma il futuro, Rg Ticino chiede il rispescaggio

Il Gozzano ha già iniziato a programmare il futuro. Il 10° campionato di serie D nella storia della società cusiana della presidentessa Marilena Fornara comincerà nel segno di Massimiliano Schettino: il tecnico è stato infatti confermato insieme al suo staff, dopo l’apprezzato lavoro svolto, su tutti il lancio dell’attaccante Lorenzo Sangiorgio (classe 2004) top scorer dei rossoblù con 8 gol, nel mirino di club professionistici.

Anche in dirigenza non ci saranno stravolgimenti: il presidente resterà Fabrizio Leonardi, mentre Mauro Lesina e Giacomo Diciannove saranno rispettivamente direttore generale e sportivo. Per ora non ci sono indiscrezioni sugli obiettivi e sulla rosa che verrà allestita, ma la sensazione è che si vada verso un tranquillo mantenimento della categoria come nella stagione appena terminata, cercando di valorizzare i prodotti del vivaio, come il Gozzano ha saputo brillantemente fare negli ultimi anni con le partenze di Zerbin al Napoli, Kayode alla Fiorentina, Vono alla Giana, Cella alla Virtus Verona, Rizzo alla Pro Vercelli, ragazzi che hanno dato lustro e visibilità al club vessillifeo del lago d’Orta che per la seconda stagione di fila ha vinto il premio “Giovani D Valore” istituito dal Dipartimento Interregionale per la squadra prima classificata (25mila euro) in ognuno dei nove gironi del Campionato Nazionale Dilettanti di Serie D.

RG TICINO CHIEDERA’ IL RIPESCAGGIO
Sono giorni di attesa in casa Rg Ticino. Il presidente Guido Presta, all’indomani della retrocessione di Fossano, si è preso qualche giorno per riflettere. Non certo per il proprio impegno personale (che è stato garantito nonostante le sirene provenienti dal professionismo), piuttosto per i prossimi passi da compiere. La volontà è quella di provare a chiedere il ripescaggio, anche se le chances sembrano ridotte al lumicino. Difficile che rimanga il tecnico Massimo Costantino, anche la squadra potrebbe essere rivoluzionata. Se sarà Eccellenza, l’intento è comunque di allestire un organico competitivo e che possa lottare per tornare subito in serie D. Moltissime le partenze, senza dubbio i giocatori da fuori regione, in particolar modo gli over, mentre per gli under restano da valutare le riconferme dei più positivi. Per l’aspetto tecnico potrebbe essere ancora Alessandro Bratto a ricoprire il ruolo di direttore sportivo, per la panchina tanti i nomi che circolano, tra questi Sergio Galeazzi (reduce dal sesto posto ottenuto col Verbano in Eccellenza lombarda, già in passato nel club del presidente Presta), Alfio Garavaglia che sta disputando gli spareggi nazionali per salire in D con i lombardi della Castanese di Castano Primo, Aldo Monza, ex centrocampista del Novara, ex trainer di Olginatese, Legnano e Caronnese, Giuseppe Fiorito ex mister di Pavia, Vergiatese e Legnano.

Condividi:

Facebook
WhatsApp
Telegram
Email
Twitter

Condividi l'articolo

© 2020-2022 La Voce di Novara - Iscrizione al registro della stampa presso il Tribunale di Novara

Guido Ferraro

Guido Ferraro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

SEGUICI SUI SOCIAL