A Bellinzago atti vandalici in aumento, il Sindaco fa subito chiarezza

Da diverso tempo a Bellinzago si registrano casi di vandalismo verso auto e proprietà private. Specchietti completamente distrutti, fanali spaccati, carrozzerie ammaccate, sono queste le “sorprese” che alcuni cittadini hanno trovato uscendo di casa al mattino. “Siamo stufi di trovare queste bravate che, parliamoci chiaro, costano un sacco di soldi”, hanno dichiarato alcuni proprietari danneggiati. “Ci sono persone che si divertono ad andare in giro a spaccare le auto e non è un caso, perché questi episodi si susseguono da diverso tempo, ormai. I fanali di alcune auto sono completamente distrutti e si perde il conto dei graffi sulle carrozzerie. Ci domandiamo perché non vengano attivate le telecamere e se sono in funzione, perché questi episodi si ripetono?”. Sulla faccenda si sta cercando di fare chiarezza, anche perché, da diverso tempo, le autorità sono al corrente della situazione.

Il sindaco, Fabio Sponghini ha subito colto l’occasione per tranquillizzare i propri cittadini e prendere una netta posizione in merito: “Mi spiace molto: l’altro ieri mi è arrivata una seconda segnalazione di atti vandalici in centro paese nel giro di poche settimane. Non posso che condannare con rammarico e rabbia tali comportamenti. La collaborazione con i vigili e carabinieri è costante, ma il controllo che le forze dell’ordine possono esercitare sul territorio non può certamente evitare che tali atti succedano. Spero che le denunce fatte alle forze dell’ordine possano dare qualche risultato ed individuare i responsabili. Occorre educazione, dei figli e dei genitori stessi, occorrono collaborazioni. Come Amministrazione purtroppo ci ritroviamo in una situazione di videosorveglianza assolutamente carente. Per svariati anni è mancata una manutenzione costante delle telecamere esistenti in paese, molte delle quali oggi fuori uso e obsolete: abbiamo ereditato un sistema di videosorveglianza con una ventina di apparecchiature, più della metà non funzionanti. Stiamo cercando di mettere mano alle varie carenze ed assicuro che, anche su questa, stiamo intervenendo”, ha dichiarato Sponghini.

“Qualcosa abbiamo già fatto: nel 2020 abbiamo posizionato le prime nuove telecamere nell’area delle scuole e a fine dicembre abbiamo proceduto all’acquisto di un kit di videosorveglianza mobile (fototrappola) del valore di 6000 euro che arriverà nelle prossime settimane e che ci permetterà di contrastare anche l’inciviltà di qualcuno nell’abbandono rifiuti. Inoltre lo scorso mese abbiamo approvato un progetto per un nuovo sistema di videosorveglianza condiviso con la Prefettura di Novara e abbiamo partecipato a metà dicembre ad un bando ministeriale che speriamo possa dare un esito positivo. Parliamo di un’opera di un importo superiore a 100.000 euro che permetterà di mettere in sicurezza vari spazi del paese tra i quali parchi e parcheggi, come ad esempio quello del cimitero dove da sempre e periodicamente avvengono scassi di autovetture e furterelli. Per cui da parte mia, del vicesindaco che ha la delega alla sicurezza, e da tutta l’amministrazione assicuro che la risposta a tali fenomeni sarà ferma e decisa”.

Condividi:

Facebook
WhatsApp
Telegram
Email
Twitter

Condividi l'articolo

© 2020-2022 La Voce di Novara - Iscrizione al registro della stampa presso il Tribunale di Novara

Paolo Pavone

Paolo Pavone

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

SEGUICI SUI SOCIAL