Rsa, al via le riunioni della cabina di regia

Partiranno la prossima settimana le riunioni della cabina di regia, istituita, sulla base del protocollo siglato a fine marzo, da Provincia e Prefettura di Novara per la valutazione e le indicazioni operative per le misure di contenimento del Covid19 da parte dell’assistenza territoriale e nelle strutture assistenziali, socio-sanitarie e nelle Rsa. «L’obiettivo – dice Federico Binatti, presidente della Provincia – è quello di condividere costantemente tutte le informazioni e le evoluzioni delle criticità in quelli che si sono rivelati essere i luoghi apparsi più vulnerabili nella diffusione del contagio».

 

[the_ad id=”62649″]

 

Gli incontri, in videoconferenza (ai quali parteciperanno associazioni datoriali, ordini professionali, organizzazioni sindacali, rappresentanti di operatori, di pazienti e familiari, enti locali, enti gestori e Asl) sono in programma per mercoledì 22 aprile (al mattino per l’area di competenza del Cisa Ovest Ticino, nel pomeriggio per Novara città) e giovedì 23 (alla mattina area di competenza del Ciss Borgomanero e al pomeriggio area Cisas Castelletto e convenzione di Arona).

«Si tratta delle prime riunioni – conclude Binatti – alle quali ne seguiranno sistematicamente altre per avere ogni informazione possibile sull’evoluzione delle varie situazioni a completa tutela delle persone ricoverate e del personale delle strutture».

La convocazione della cabina di regia era stata chiesta richiesta a gran voce più volte dalle organizzazioni sindacali.

«Porteremo avanti le nostre priorità» dicono Paolo Del Vecchio, Cgil Funzione Pubblica e Mattia Rago della Cisl.

E le priorità sono quelle che ormai da tempo le organizzazioni sindacali vanno elencando: in primo luogo l’approvvigionamento continuo e in quantità sufficiente di dispositivi di protezione individuale, tamponi a tappeto tra utenti e personale (con riferimento anche alle comunità e all’assistenza domiciliare) e reperimento di personale medico e infermieristico preparato per affrontare la situazione in modo da poter dare risposte qualificate.

«Riteniamo indispensabile – aggiunge Del Vecchio (Cgil) – coinvolgere gli apparati medici di tutte le forze pubbliche necessarie disponibili, esercito, protezione civile, croce rossa, Asl e indispensabile una regia pubblica dal punto di vista sanitario della nuova condizione di molte case di riposo che nei fatti diventano mini ospedali Covid positivi  a bassa soglia. E un potenziamento, in termini di personale, dell’Usca». E ancora: «scovare i falsi negativi che potrebbero in realtà nascondere dei positivi, una continua sorveglianza sanitaria sia di tutti gli operatori, compresi quelli dei servizi ausiliari, e degli stessi utenti».

«Senza risolvere queste che a nostro avviso sono urgenze – conclude Del Vecchio – si rischia una cabina di regia che spreca parole e non incide sulla realtà».

 

 

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su email
Email
Condividi su twitter
Twitter

Condividi l'articolo

Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su reddit
Condividi su vk

© 2020-2021 La Voce di Novara - Iscrizione al registro della stampa presso il Tribunale di Novara

Daniela Fornara

Daniela Fornara

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

SEGUICI SUI SOCIAL

Condividi

Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su email

Sezioni