Nobile Collegio Caccia, pubblicato il bando per l’accesso alle borse di studio

Pubblicato il bando per l’accesso alle borse di studio erogate dalla Fondazione “Nobile Collegio Caccia” di Novara per l’anno accademico 2022/2023 riservate a studenti o studentesse che frequentino: le sedi universitarie in Piemonte e Lombardia oppure, in caso di documentata esigenza scientifica, in altre sedi; le Accademie di Belle Arti; master di 2° livello – scuole di perfezionamento post-universitario in qualunque sede italiana o estera.

L’importo delle borse di studio è fissato in: 1.700 euro per gli studenti iscritti all’Università del Piemonte
Orientale, 2.500 euro per gli studenti iscritti alle altre università. Il numero massimo delle borse erogabili è di 30 per la Borsa Caccia, 5 per la Borsa Baccarlino, 1 per la Borsa Stoppani, 1 per la Borsa Canalini, 1 per la Borsa Di Tieri e 2 per la Borsa Quaglino.

Per partecipare è necessario essere:

– studenti e studentesse iscritti regolarmente dal secondo anno del corso di laurea (triennale o
a ciclo unico), che abbiano conseguito almeno una votazione media d’esame di 28/30 in ogni
anno accademico precedente;
– studenti già in possesso di laurea triennale, iscritti a corsi di laurea specialistica con votazione
media, nel precedente corso universitario, non inferiore a 28/30 e che abbiano conseguito il
titolo di studio senza ritardo e nel numero di anni previsto dal rispettivo piano di studi;
– laureati, con laurea specialistica o a ciclo unico, iscritti a master di 2° livello o a scuole di
perfezionamento post-universitario con votazione media, nel precedente corso di laurea, non
inferiore a 29/30.

Inoltre devono essere in ordine di preferenza:
– appartenenti alle famiglie Caccia di Novara ed alle altre famiglie legate per consanguineità al
fondatore del Collegio, con preferenza ai consanguinei più prossimi;
– discendenti del Notaio Carlo Grazioli che ricevette il testamento del Fondatore il 30 agosto
1616;
– nati a Novara o nel suo contado secondo l’estensione ed i limiti che questo aveva nell’anno
1616 purché: residenti a Novara o nel suo contado al momento della presentazione della domanda; almeno uno dei genitori sia nato nella città di Novara o nel suo contado o vi sia residenza
decennale ininterrotta della famiglia in Novara o nel suo contado, con riferimento alla data di
presentazione della domanda.

In tutte le categorie il criterio generale di precedenza sarà il merito di studio.

Condividi:

Facebook
WhatsApp
Telegram
Email
Twitter

Condividi l'articolo

© 2020-2022 La Voce di Novara - Iscrizione al registro della stampa presso il Tribunale di Novara

Redazione

Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

SEGUICI SUI SOCIAL

Sezioni