Le isole dei laghi d’Orta e Maggiore candidate fra i siti Unesco

Da Legambiente per un turismo più sostenibile. E il Cusio punta a diventare la prima comunità energetica lacustre d'Italia: primo passo è stata la firma del Manifesto Orta

Le isole dei laghi d’Orta e Maggiore candidate fra i siti Unesco. La proposta arriva da Legambiente, con lo scopo di promuovere un turismo più sostenibile. «E’ necessario immaginare futuri diversi  per i nostri territori, che siano in grado di intercettare una domanda in rapida trasformazione con aspettative che si basano sulla  sostenibilità  e sulla possibilità di svolgere delle attività a contatto con la natura», ha spiegato Roberto Signorelli vicepresidente circolo Legambiente Gli Amici del Lago.

In quest’ottica è stato firmato ieri, 29 luglio, il “Manifesto di Orta”: «Primo passo per la definizione di un percorso condiviso per arrivare alla costituzione della prima comunità energetica di lago sul territorio italiano. Un progetto che vede coinvolti i comuni rivieraschi e dell’entroterra – perché il lago – ha detto l’assessore regionale all’Ambiente Matteo Marnati – aggrega naturalmente tante realtà e vari enti».

Percorso che inizia dall’elettrificazione delle imbarcazioni che si muovono sul lago, per cui a Orta è stata installata la prima colonnina di ricarica per natanti elettrici. Marnati si è simbolicamente regalato un giro sul lago su una barca elettrica.

«Sul tema energia – ha detto Marnati subito dopo la firma dell’accordo con i Comuni della zona – ci sono molte risorse ed è su questo capitolo che intendiamo iniziare il lavoro; partiamo da qui per poi spaziare in altri settori. Il fatto di fare squadra, e quindi lavorare insieme, rappresenta un vantaggio per la stesura di progetti che potrebbero essere presentati sul PNRR e ciò che non sarà finanziato dai fondi del piano nazionale sarà finanziato con altri fondi”.

«Oggi con l’arrivo delle grandi risorse europee – ha aggiunto – c’è la possibilità di finanziare queste comunità dove i comuni diventano capofila, creando una fonte di energia rinnovabile, dal pannello fotovoltaico all’idroelettrico, con il coinvolgimento di cittadini e imprese. Non c’è solo un beneficio ambientale ma anche economico e sociale».

All’incontro per la firma del Manifesto hanno preso parte i primi cittadini di Ameno, Bolzano Novarese, Briga Novarese, Gozzano, Invorio, Madonna del Sasso, Miasino, Omegna, Orta, Pogno e San Maurizio d’Opaglio. Per gli enti, presenti Università del Piemonte Orientale, Energy Center del Politecnico di Torino, Confindustria Novara Vercelli Valsesia, Arpa Piemonte, Ecomuseo del Cusio, Atl Novara, Environment Park e Fondazione Alberto Giacomini.

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su email
Email
Condividi su twitter
Twitter

Condividi l'articolo

Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su reddit
Condividi su vk

© 2020-2021 La Voce di Novara - Iscrizione al registro della stampa presso il Tribunale di Novara

Redazione

Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

SEGUICI SUI SOCIAL

Condividi

Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su email

Sezioni