Il Graduation dell’Upo porta in città 9000 persone

In programma sabato 11 giugno in piazza Martiri dopo due anni di stop a causa della pandemia

Il settimo Graduation Day dell’Università del Piemonte Orientale, in programma sabato 11 giugno in piazza Martiri, sarà il più imponente di sempre. Sono circa 2.600 i laureati che hanno confermato la propria partecipazione al corteo e alla cerimonia che coinvolgerà, tra laureati, familiari e amici, oltre 9.000 persone.

Dal primo pomeriggio il Complesso Perrone sarà aperto alle laureate e ai laureati per ricevere la pergamena di laurea e il tocco che sarà lanciato in aria al termine della giornata. Il corteo delle laureate e dei laureati, guidato dal rettore Gian Carlo Avanzi, dai vertici di Ateneo e accompagnato dall’Orchestra dell’Università del Piemonte Orientale, partirà alle 18 e si muoverà seguendo un itinerario concordato con le forze dell’ordine.

Usciti da via Passalacqua, si imboccherà via Perrone e si svolterà su Corso Mazzini. Presso il palazzo del Comune di Novara il sindaco Alessandro Canelli, insieme ai sindaci di Vercelli e di Alessandria, Andrea Corsaro e Gianfranco Cuttica di Revigliasco si aggiungeranno alla sfilata. Il corteo percorrerà poi corso Italia, per girare in via Prina e, dopo un breve passaggio in via Fratelli Rosselli, imboccherà via Puccini, poi via Coccia, per entrare in piazza Martiri.

Alle 18.45 circa comincerà la cerimonia di breve durata, ma di grande intensità. Il rettore parlerà ai laureati, pronunciando egli stesso, per questa edizione così condivisa, il discorso motivazionale. Verranno poi consegnate le pergamene di laurea ai protagonisti del corteo: l’abbadessa Francesca Giroldi (la più

Si darà spazio anche a due riconoscimenti particolari. Durante la pandemia l’Associazione UPO Alumni, grazie a una raccolta fondi pubblica e al generoso sostegno del benefattore vercellese avvocato Carlo Olmo, fu in grado di aiutare un consistente numero di studentesse e studenti che avrebbero potuto abbandonare gli studi. Sarà consegnata simbolicamente la pergamena a una di loro, Nicoletta Geminian, sottolineando il senso di comunità che ha contraddistinto l’UPO nei mesi peggiori del 2020 e del 2021. Verrà, infine, consegnato un attestato di benemerenza alla memoria di Matteo Cairo, studente appassionato di chimica e iscritto al Dipartimento di Scienze e innovazione tecnologica, tragicamente scomparso per gravi motivi di salute nel febbraio di quest’anno.

Verso le 19.30 è previsto il momento clou del lancio del tocco.

Condividi:

Facebook
WhatsApp
Telegram
Email
Twitter

Condividi l'articolo

© 2020-2022 La Voce di Novara - Iscrizione al registro della stampa presso il Tribunale di Novara

Redazione

Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

SEGUICI SUI SOCIAL