Il Centro Anti Violenza Area Nord Novarese festeggia i tre anni di attività

Il Centro ha risposto a 265 chiamate dal giorno della sua apertura ad oggi

Il Centro Anti Violenza Area Nord Novarese ha compiuto tre anni. Inaugurato il 26 settembre 2019 nei saloni della villa Marazza, il CAV serve 52 Comuni del territorio con le sue attività di contrasto alla violenza di genere.

«In questi tre anni, il nostro team di lavoro è cresciuto, perché il lavoro da fare è molto» ha spiegato la dottoressa Chiara Zanetta, coordinatrice del progetto «I dati parlano chiaro. Nel 2019 non ci immaginavamo di poter sostenere a diverso titolo così tante donne».

I numeri sono davvero impressionanti. Il Centro ha risposto a 265 chiamate dal giorno della sua apertura ad oggi (19 negli ultimi mesi del 2019; 75 nel 2020; 90 nel 2021; 81 nel 2022). Le donne cercano un contatto con il CAV in cerca di consulenze legali e psicologiche, per orientarsi alla denuncia e per condividere la creazione di un percorso di fuoriuscita da una situazione di violenza. E’ necessario però anche intervenire a volte sull’emergenza.  Il CAV ha provveduto al collocamento di 13 donne e 9 minori nel 2020, 11 donne e 8 minori nel 2021, 11 donne e 7 minori nell’anno in corso. Il lavoro del Centro Antiviolenza è efficace grazie alla rete di associazioni culturali e sportive, Comuni, imprese, servizi sociali, sanitari e forze dell’ordine.

La sinergia con il DEA di Borgomanero e i Carabinieri ha permesso di svolgere al meglio uno degli aspetti più delicati del lavoro in tutela delle vittime: gli interventi in emergenza. «A questo proposito ringraziamo il Tenente Bianchi Fossati, in fase di trasferimento, per il suo supporto, ricordando l’ottimo lavoro svolto insieme in questi anni e ci auguriamo di incontrare presto il suo sostituto per proseguire nell’ottima collaborazione», ha aggiunto la dottoressa Zanetta.

Il lavoro del CAV è intenso, i progetti per il futuro sono molti e necessitano di nuovi spazi. Con l’assegnazione della Torretta di via Arona, bene confiscato alla mafia, da parte del Comune di Borgomanero al Centro, si aprono nuove possibilità. «Speriamo di trasferirci al più presto nella nuova sede, così significativa per il nostro territorio» ha concluso Zanetta.

La sensibilizzazione al contrasto alla violenza e alla parità di genere è un’azione importante svolta dal centro. La prima settimana di ottobre il centro sarà presente nelle scuole cittadine per farsi conoscere e confrontarsi con i ragazzi sulle dinamiche che portano ai maltrattamenti, anche grazie ad una installazione di sagome di donna promossa dalla Regione Piemonte. Le ultime due tappe della mostra saranno dedicate alla cittadinanza. Il calendario è il seguente:

3 ottobre: Don Bosco

5 ottobre: Liceo Scientifico di via Aldo Moro

6 ottobre: ENAIP di Borgomanero

7 ottobre: mattino mercato cittadino

8 ottobre: nel pomeriggio sui corsi cittadini

11 ottobre: Liceo delle scienze umane e Linguistico di Gozzano

L’installazione “Voci nel silenzio” è già stata visionata nelle scorse settimane delle scuole della città di Arona.

Condividi:

Facebook
WhatsApp
Telegram
Email
Twitter

Condividi l'articolo

© 2020-2022 La Voce di Novara - Iscrizione al registro della stampa presso il Tribunale di Novara

Redazione

Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

SEGUICI SUI SOCIAL

Sezioni