Gambero Rosso a distanza di vent’anni riconsegna le Tre forchette a Villa Crespi

Villa Crespi dello chef pluripremiato, Antonino Cannavacciuolo a Orta San Giulio dopo vent’anni riconquista le Tre Forchette, il massimo riconoscimento della Guida Ristoranti 2024 del Gambero Rosso giunta alla sua 34°edizione.

La prima comparsa di Villa Crespi in vetta alla classifica, esattamente 20 anni fa, nell’edizione del 2003. Quest’anno il ristorante si inserisce in un’annata record per le realtà della ristorazione piemontese: sono infatti 239 i ristoranti inseriti nella Guida con ben cinque assegnazioni di Tre Forchette, un primato tra le trattorie e cantine di vino e birre e ben sei premi speciali (Miglior rapporto qualità Prezzo, Novità dell’anno, Menu degustazione dell’anno, Miglior proposta vegetariana, Miglior Proposta di bere miscelato e Miglior Servizio di Sala n.d.r.).

Condividi:

Facebook
WhatsApp
Telegram
Email
Twitter

Condividi l'articolo

© 2020-2024 La Voce di Novara - Riproduzione Riservata
Iscrizione al registro della stampa presso il Tribunale di Novara

Paolo Pavone

Paolo Pavone

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

SEGUICI SUI SOCIAL

Sezioni

Gambero Rosso a distanza di vent’anni riconsegna le Tre forchette a Villa Crespi