Federconsumatori: «I costi dei prodotti tipici di Pasqua aumentano del +3%»

A causa dei rincari e del budget ridotto in pochi sceglieranno di pranzare al ristorante

La Pasqua si avvicina e giunge, quest’anno, in un clima di forte preoccupazione determinato dalla guerra e dai rincari che stanno colpendo fortemente le famiglie.

Nonostante le difficoltà gli italiani non rinunceranno a festeggiare, seppure riducendo il budget e facendo qualche rinuncia. Come ogni anno, l’O.N.F. – Osservatorio Nazionale Federconsumatori ha monitorato i costi dei prodotti tipici che nel 2022 costano mediamente il +3% rispetto allo scorso anno. Dallo studio emerge un andamento differenziato dei prezzi, a seconda dei prodotti e del canale di vendita. I settori che segnano gli aumenti maggiori sono quello delle uova fresche (+9%) e delle colombe (+8%). Dopo il boom dei prezzi registrati negli ultimi due anni per le uova di Pasqua, soprattutto online, quest’anno tali prodotti segnano lievi diminuzioni. Per quanto riguarda le modalità con cui gli italiani si apprestano a festeggiare la Pasqua, dal nostro monitoraggio emerge che appena 1 famiglia su 10 trascorrerà il pranzo di Pasqua o di Pasquetta fuori casa, un dato nettamente in calo rispetto al periodo pre-covid.

Un andamento su cui incidono diversi fattori, in primis la grave crisi dei bilanci familiari dovuta ai rincari dell’energia, nonché all’aumento dei menu di Pasqua nei ristoranti pari al 4-5%. Ecco perché in molti opteranno per il pic-nic o per il pranzo in agriturismo, all’insegna della tradizione, della natura e del risparmio.

Condividi:

Facebook
WhatsApp
Telegram
Email
Twitter

Condividi l'articolo

© 2020-2022 La Voce di Novara - Iscrizione al registro della stampa presso il Tribunale di Novara

Redazione

Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

SEGUICI SUI SOCIAL

Sezioni