Sabato una mattinata per ricordare don Aldo Mercoli, il “buon samaritano”

Nell'ambito delle celebrazioni per il mezzo secolo di vita della Caritas diocesana e a diciassette anni dalla sua scomparsa, presso il Centro diurno di Agognate che porta il suo nome verrà ricordata la figura del sacerdote con una mostra di cimeli, lavori realizzati dagli attuali ospiti e un momento di preghiera

Dai “ragazzi del pallone”, il torneo di calcio cittadino letteralmente inventato sul finire degli anni ’40 alla Caritas, della quale fu anche direttore. Dall’aiuto sempre offerto ai più bisognosi sino alla creazione della Casa di giorno di Agognate che oggi porta il suo nome. A diciassette anni dalla sua scomparsa, nell’ambito delle celebrazioni per il mezzo secolo di vita della Caritas diocesana novarese, la figura di don Aldo Mercoli, il “buon samaritano”, verrà ricordata domani mattina, sabato 15 ottobre, proprio ad Agognate. A partire dalle 10 sarà presentata, presso la Casa di giorno nella frazione a nord ovest della città, una mostra contenente fotografie, scritti e cimeli del sacerdote. Un settore è stato riservato a opere realizzate dagli attuali ospiti della struttura. Un doveroso omaggio all’uomo, al sacerdote, all’autentico “pioniere” che 34 anni fa, proprio con la Casa di giorno, diede vita a uno fra i primi centri diurni in tutta Italia,


Dopo i saluti istituzionali e la visita all’allestimento è previsto un momento di preghiera: alle 11 nella chiesa di San Gaudenzio di Agognate verrà celebrata una funzione eucaristica sempre per ricordare don Aldo. Una mattinata dedicata alla memoria, alla quale sono invitati tuttti colori i quali lo hanno conosciuto e accompagnato nel suo lungo percorso di carità.

Condividi:

Facebook
WhatsApp
Telegram
Email
Twitter

Condividi l'articolo

© 2020-2022 La Voce di Novara - Iscrizione al registro della stampa presso il Tribunale di Novara

Luca Mattioli

Luca Mattioli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

SEGUICI SUI SOCIAL

Sezioni