Da Betlemme a Sillavengo. La mia vita stellata tra i fornelli

Giovanni Ruggieri, nato nella città palestinese e poi trasferito in provincia di Novara, dopo esperienze tra Milano, Varese e le Langhe, sarà lo chef del ristorante sociale di via Ansaldi

«Mi chiamo Giovanni Ruggieri, con la “i” mi raccomando, sono nato a Betlemme ma cresciuto a Sillavengo».

E pensi sia una battuta. «Sono nato davvero a Betlemme – ripete ridendo – mio padre lavorava per i Salesiani e i primi cinque anni li ho passati lì. Parlo, vabè oltre l’arabo, italiano, francese, inglese; il tedesco non ce l’ho fatta, è troppo difficile».

L’arabo, invece. «Beh, quando vivi in un luogo dove parlano solo quella determianta lingua, la impari per forza» aggiunge ridendo ancora.

E questo è vero. «Qui, in via Ansaldi 4, a metà novembre, negli spazi gestiti dalla cooperatoiva Gerico (leggi qui) aprirò il nuovo ristorante sociale che si chiamerà L’orto in cucina».

Giovanni Ruggieri, con la i, classe 1984, nato a Betlemme ma cresciuto a Sillavengo, sembra un adolescente appena diplomato, invece è uno chef, considerato una promessa dell’arte culinaria, che ha lavorato in alcuni dei ristoranti stellati di Milano, Varese e nelle Laghe e avuto come Maestri altrettanti chef stellati quali Enrico Crippa e Alfredo Chiocchetti. Nel 2013 è stato tra i dieci migliori chef del Fuorisalone e nello stesso anno ha vinto il premio Identità Golose. Con De Agostini ha pubblicato “Il Sommelier della Birra”, tradotto in cinque lingue, e collabora con la prestigiosa rivista “La cucina Italiana”.

Dalle stelle al ristorante sociale? «Sì e grazie alle esperienze maturate in oltre vent’anni di lavoro potrò mettere in pratica quello che ho imparato in un contesto di casa e tradizione – commenta Ruggieri con fierezza -. I piatti saranno semplici e di stagione, ma realizzati con tecniche stellate. Oltre alla carne, ci sarà sempre un’alternativa vegetariana, vegana e per celiaci grazie ai prodotti del nostro orto sociale e alla collaborazione con i produttori e le aziende del territorio. Anche la cantina sarà sociale a tutti gli effetti con le bottiglie prodotte nelle Langhe da cooperative di disabili».

Il ristorante sarà aperto giovedì, venerdì e sabato sera «e tra i progetti c’è anche quello di dare inizio a corsi di cucina destinati a utenti collocati in un percorso di reinserimento sociale».

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su email
Email
Condividi su twitter
Twitter

Condividi l'articolo

Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su reddit
Condividi su vk

© 2020-2021 La Voce di Novara - Iscrizione al registro della stampa presso il Tribunale di Novara

Cecilia Colli

Cecilia Colli

Novarese, giornalista professionista, ha lavorato per settimanali e tv. A La Voce di Novara ha il ruolo di caporedattore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

SEGUICI SUI SOCIAL

Condividi

Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su email

Sezioni