Coldiretti Novara: «Iniziata la raccolta del riso dell’annata più difficile tra siccità e rincari»

Le perdite in alcune zone sono quasi totali, l’esplosione dei costi energetici ha fatto registrare il +170% dei concimi e +129% del gasolio

E’ iniziata, in linea con gli anni precedenti a livello di tempistica, la raccolta del riso nelle campagne novaresi. Il 2022 si può classificare come annus horribilis per il settore che, dopo i rincari di carburante e materie prime causate dalla guerra in Ucraina, ha dovuto fare i conti con una siccità mai vista negli ultimi 70 anni. Il riconoscimento dello stato di emergenza in Piemonte e il via libera in Conferenza Stato Regioni al decreto del Mipaaf che stanzia 15 milioni di euro fino ad esaurimento per i risicoltori italiani  sono soltanto una toppa per gli agricoltori che dovranno fare i conti con perdite ingentissime sul raccolto. Le zone più colpite dalla mancanza idrica sono state soprattutto quelle di Vespolate, Cerano e Romentino, dove si può contare un calo della produzione che arriva a superare il 70%, con punte fino al 90%, ma tutta la provincia si è scontrata con le problematiche legate alla siccità.

A pesare ulteriormente su questa annata si registra anche l’esplosione dei costi energetici con aumenti record che vanno dal +170% dei concimi al +129% per il gasolio.

«Per sostenere il settore bisogna anche lavorare sugli accordi di filiera come strumento indispensabile per la valorizzazione delle nostre produzioni e per un’equa distribuzione del valore lungo la catena di produzione – hanno commentato il presidente di Coldiretti Novara-Vco Sara Baudo e il direttore Francesca Toscani -. Non va dimenticato che sul nostro riso grava, poi, la concorrenza sleale delle importazioni low cost dai paesi asiatici che vengono agevolate dall’Unione Europea nonostante non garantiscano gli stessi standard di sicurezza alimentare, ambientale e dei diritti dei lavoratori. Bisogna tutelare la nostra risicoltura e questo deve essere un obiettivo primario per l’Europa visto che abbiamo un prodotto che si distingue per sicurezza nella produzione e qualità, rispetto a quello importato dall’Asia a basso costo, frutto di soprusi».

In Italia oltre il 70% del riso importato è oggi a dazio zero. Un esempio è il Myanmar, che è tra i primi fornitori del nostro Paese con 72,5 milioni di chili nei primi sei mesi del 2022, ben 24 volte di più rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente con un trend favorito dalla scadenza della clausola di salvaguardia con la quale si erano bloccate le agevolazioni tariffarie concesse al Paese asiatico e alla Cambogia che ha più che raddoppiato le sue esportazioni verso l’Italia.

Condividi:

Facebook
WhatsApp
Telegram
Email
Twitter

Condividi l'articolo

© 2020-2022 La Voce di Novara - Iscrizione al registro della stampa presso il Tribunale di Novara

Redazione

Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

SEGUICI SUI SOCIAL

Condividi

Sezioni