Il veltro è morto e sepolto (a Pisa)

Il valore morale e alcuni elementi narrativi che caratterizzano l’intero poema sono già presenti in tutta la loro importanza nell’incipit dell’Inferno, attraverso l’allegoria profetica del Veltro che chiude il canto per bocca di Virgilio.

I versi ci restituiscono la poetica e drammatica testimonianza di un individuo smarrito nel disordine morale, lo sgomento di una umanità che si ritrova disperata, senza valori e senza luce, perduta dietro a false immagini di bene.

Nella selva oscura di una crisi politica, morale e religiosa Dante non riesce a superare l’ostacolo della corruzione: la lussuria della lonza, la superbia di un leone e la cupidigia di una lupa, “la bestia sanza pace […], che mai non empie la bramosa voglia”.

L’ardua impresa non sarà indolore, Virgilio e Beatrice soccorrono il poeta nel suo percorso individuale, ma per ricacciare la lupa “ne lo inferno, là onde ’nvidia prima dipartilla” serve altro. Serve un Veltro, un velocissimo e agilissimo cane da caccia “che la farà morir con doglia”.

In chi sperava Dante? Forse nel suo mecenate Cangrande della Scala, autorevole rappresentante dei ghibellini, in un pontefice, in Cristo, o (nella sua modestia) nel messaggio di rigenerazione del suo stesso poema.

L’annuncio dell’attesa di un riformatore, fortemente sospirato da Dante e dai suoi contemporanei, fa pensare ad un imperatore capace di ristabilire un ordine e diventare una guida che superi e contenga le discordie civili.

Dante stesso era consapevole della crisi irreversibile dell’Impero all’inizio del Trecento e dell’anacronismo del suo sogno nell’Italia del particolarismo comunale; eppure saluta con grande entusiasmo e rinnovata speranza la discesa in Italia di Enrico VII di Lussemburgo per essere incoronato prima Re dei Romani a Milano con la corona ferrea il 6 gennaio 1311, poi Imperatore in Laterano nel 1312.

Dante smette di sognare e si muove attivamente: pubblica già nel 1310 un’epistola per esortare re, senatori, duchi e marchesi a sottomettersi alla giustizia dell’Imperatore, e nel 1311 esorta gli “scellerati fiorentini”, unici a non omaggiare Enrico, ad arrendersi all’unico potere pubblico garanzia di convivenza civile.

Scrisse anche ad Enrico dal Casentino; e probabilmente fu con altri esuli al suo seguito e collaborò con la cancelleria imperiale quando il sovrano giunse a Pisa nel 1312. Venuto in Italia per portare la pace, l’Imperatore si ritrova a fare guerra con tutti, ma Dante era fiducioso che fosse il dono di Dio, forse il Veltro tanto atteso. Ma il Veltro era malato, morì a Siena nel 1313 e riposa nel Duomo di Pisa.

Anche per noi il Veltro è morto e sepolto, e la lupa famelica “di tutte brame carca ne la sua magrezza” si aggira in un secolo piagato dal materialismo e dalla corruzione.

E non è più tempo di attese messianiche.

[Immagine: Corona ferrea, Duomo di Monza]

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su email
Email
Condividi su twitter
Twitter

Condividi l'articolo

Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su reddit
Condividi su vk

© 2020-2021 La Voce di Novara - Iscrizione al registro della stampa presso il Tribunale di Novara

Claudia Cominoli

Claudia Cominoli

SEGUICI SUI SOCIAL

Condividi

Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su email

Sezioni