Radio 6023 partecipa al SonoreQamp di Radio Quetsch

Radio 6023 non si ferma mai, e arriva fino in Francia.

Dal 13 al 19 agosto 2020 si terrà SonoreQamp #00 e noi di Radio 6023 non vediamo l’ora di partecipare. Ma di cosa si tratta? Un camping sperimentale a bordo dell’acqua, un workshop in prossimità delle capanne dei pescatori a Guewenheim, in Alsazia, dedicato alla creazione sonora; uno spazio di ascolto e arricchimento incentrato sul suono e sull’ascolto. 

Il tutto organizzato da Radio Quetsch, radio francese che si definisce “rurale” insediata nel Sundgau, un territorio al tempo stesso pieno di pace e dinamico animato da numerose associazioni: culturali, sportive, sociali, umanitarie e tanto altro ancora.

Radio Quetsch attinge alla natura più autentica del mezzo radiofonico nel suo carattere spontaneo, intergenerazionale e interculturale, aperto all’espressione di chiunque. Più di ogni altro, la radio è il media in grado di creare ponti e consolidare legami tra individui, contribuire alla vita della comunità, promuovere iniziative locali e contribuire alla formazione di un’identità territoriale sempre, tuttavia, in un’ottica internazionale.

Proprio in questo clima di scambio si inserisce la partecipazione di Radio 6023; saranno ambasciatori di questo scambio radiofonico e culturale quattro studenti e membri della nostra radio: lo Station Manager Davide Farinetti, i filosofi Maddalena Bellasio e Benjamin Cucchi e l’informatico Luca Maria Salonti. La nostra radio parteciperà all’evento realizzando una diretta giornaliera dalle 12 alle 12.30 per raccontare dal vivo l’esperienza del camping radiofonico.


Inoltre, il progetto di collaborazione con Radio Quetsch vedrà la realizzazione di un format di 6 podcast dal nome
6023 EN ROUTE: ALSACE EXPRESS. Attraverso questo programma si cercherà di raccontare l’esperienza introspettiva dei quattro membri di Radio 6023 che usciranno dalla loro comfort zone per incontrare e conoscere al meglio i loro colleghi francesi. Ogni puntata analizzerà le loro sensazioni ed emozioni e inoltre mostrerà le similitudini culturali tra Italia e Francia, fondendo gli orizzonti dei ragazzi su temi quali: cucina vegetariana, agricoltura giovanile, differenze linguistiche e culturali, associazionismo giovanile e prospettive di vita.

L’obiettivo di questo progetto è quello di mostrare come i territori del Piemonte Orientale e del Sundgau abbiano molte cose in comune e di come realtà quali 6023 APS e Radio Quetsch operino in modo simile tra loro.

 

Per conoscere meglio il progetto abbiamo intervistato Luc Ueberschlag, redattore e una delle anime di Radio Quetsch.

“Collaborer avec radio 6023 est naturel, c’est important pour l’amitié franco-italienne mais aussi pour représenter la richesse des échanges européens. Radio 6023 est notre voisine, notre amie; Radio Quetsch et Radio 6023 ensemble, c’est continuer à faire résonner les voix de Bartek et Antonio”

[Collaborare con Radio 6023 è naturale, è importante per l’amicizia franco-italiana ma anche per rappresentare la ricchezza degli scambi europei. Radio 6023 è nostra vicina, nostra amica; Radio Quetsch e Radio 6023 insieme significa continuare a far risuonare le voci di Bartosz Orent-Niedzielski e Antonio Megalizzi]

L’idea di Sonore Qamp #00 nasce durante il distanziamento sociale e si configura come soluzione per riunire tutti i collaboratori di Radio Quetsch, ma non solo:

“Sonore Qamp #00 est aussi né d’une envie de faire une fête de la radio rurale, c’est un peu l’université d’été au bord de l’eau entre les tracteurs et le chant des crapauds. Un moment d’écoutes et de création sonore avec échanges et transmission de savoirs”

[Sonore Qamp #00 è anche nato dalla voglia di organizzare una festa radiofonica rurale, è un po’ l’università estiva a bordo dell’acqua tra i trattori e il canto dei rospi. Un momento di ascolto e di creazione sonora con scambio e trasmissione di conoscenze]

Un progetto incentrato sull’ambiente che ci circonda e sulla spontaneità di un modo di fare radio diretto, sincero, ricco nella sua semplicità con l’obiettivo di creare un incontro annuale immerso nella natura con “il minimo delle infrastrutture e il massimo della radio”, come continua a raccontarci Luc Ueberschlag. Ancora niente di preciso, ma orizzonti aperti:

“Cela peut devenir un moment touristique ou rester simple, cette édition zéro va certainement dessiner les objectifs pour l’édition 2021”

[Potrebbe diventare un momento turistico o rimanere semplice, questa edizione zero andrà sicuramente a delineare gli obiettivi per l’edizione 2021]

Nous sommes prêtes, et vous? 

Maddalena Bellasio, Radio 6023

© 2020-2021 La Voce di Novara - Iscrizione al registro della stampa presso il Tribunale di Novara

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su email
Email
Condividi su twitter
Twitter
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: