Salute

Piemonte (e Novara) record per la donazione del sangue

La regione contribuisce per il 27% al titale della disponibilità nazionale. A Novara i donatori abituali iscritti all'Avis sono 2500

Il Piemonte si conferma la regione numero uno in Italia per la donazione di sangue, in particolare è quella che cede più sangue alle altre regioni.

Il dato è contenuto nel Programma Nazionale per l’Autosufficienza pubblicato ieri in Gazzetta Ufficiale e diffuso dal Ministero della Salute.

Il flusso dell’intera mobilità nazionale nel 2017 ammonta a circa 70.000 unità di globuli rossi. Il contributo del Piemonte impatta per circa il 27% (poco meno di 18.000 unità complessive) ed è destinato in primo luogo alla Sardegna (circa 15.000 unità) e al Lazio (circa 2.600 unità). Quantità decisamente più ridotte sono andate all’Abruzzo (320) e alla Valle d’Aosta (55).

Le cifre del 2017 confermano il trend degli anni precedenti, che vedono sempre in testa la nostra regione. Al secondo posto nel 2017 c’è la Lombardia, che ha ceduto circa il 14% del volume di mobilità nazionale.

La forte propensione dei novaresi in particolare alla donazione del sangue è certifcata anche dai numeri della sezione locale dell’Avis, che conta 2.500 donatori attivi e circa 700 occasionali.

Per l’Assessore regionale alla Sanità, Antonio Saitta, «è doveroso da parte della Regione rivolgere un grazie sincero ai volontari, ai donatori ed al personale che contribuisce con il proprio lavoro a rendere possibile il primato del Piemonte, consolidato da anni, nel campo della donazione”.

Da segnalare che i donatori di sangue sono stati inseriti dal Ministero della Salute tra le categorie che hanno diritto alla somministrazione gratuita del vaccino antinfluenzale.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Consigliati