Provincia Tempo libero
Scopri la storia

Scopri la storia: sabato 30 marzo l’Open day ArcheoBiandrate

Ecco come prenotarsi per le visite guidate. Al via anche i laboratori didattici per circa 200 studenti dell'istituto comprensivo di Biandrate, che impareranno l'archeologia divertendosi

Scopri la storia: ArcheoBiandrate apre le porte a grandi e piccini. Sabato 30 marzo è in programma l’Open day con le visite guidate a cura della Soprintendenza archeologia, belle arti e paesaggio per le province di Biella, Novara, Verbano-Cusio-Ossola e Vercelli, in collaborazione con il Comune di Biandrate. Nello scavo sono emerse tracce risalenti ai romani, ma anche di epoca neolitica (leggi qui).

Le visite si terranno dalle 10 alle 12 e dalle 14 alle 16. Per ogni turno è prevista una durata di circa 40 minuti. La partecipazione è gratuita, ma è obbligatoria la prenotazione, da effettuare tramite il nuovo sito web www.archeobiandrate.it o tramite l’evento Facebook, che a brevissimo sarà pubblicato sulla pagina ArcheoBiandrate.
In alternativa è possibile accedere direttamente alle prenotazioni da questo link
In caso di maltempo l’evento sarà rinviato.

I LABORATORI PER I PIU’ PICCOLI
Come preannunciato dal sindaco Luciano Pigat, il sito archeologico rappresenta «un’interessante opportunità di studio e di scoperta della storia passata, nonché di valorizzazione del nostro territorio che vogliamo condividere, in primis, con la cittadinanza e in modo particolare con le giovani generazioni». Lunedì 18 marzo prenderanno il via i laboratori didattici di ArcheoBiandrate, dedicati agli studenti dell’istituto comprensivo di Biandrate, a cura delle archeologhe novaresi Chiara Cerutti, Giulia Varetti e Gloria Carraro. Un’attività che coinvolgerà circa 200 ragazzi, fra 6 e 13 anni e servirà a farli arrivare preparati alla visita dello scavo, che gli studenti svolgeranno nella giornata di venerdì 29 marzo.

«I laboratori sono stati differenziati a seconda della fascia d’età, ma avranno un denominatore comune: l’approccio ludico, perché tutti impareranno divertendosi – spiegano le tre archeologhe – Gli studenti del primo e del secondo anni della primaria andranno alla scoperta del tempo, passando attraverso un tunnel tutto da colorare, attraverso cui impareranno cosa sono le stratigrafie. Gli allievi di III, IV e V e dei primi due anni della scuola secondaria di primo grado invece si trasformeranno in piccolo archeologi, grazie alle vaschette con all’interno della terra, in cui potranno divertirsi a cercare oggetti e reperti. Mentre i ragazzi del terzo anno abbiamo scelto la formula “due chiacchiere con l’archeologo”».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Consigliati