Tempo libero Weekend & oltre

Cosa succede nel fine settimana


Per Bacco, Lucullo e altri banchetti

Domenica 9 giugno a Tornaco appuntamento con il Pedalar Mangiando, la biciclettata enogastronomica alla scoperta del territorio organizzata dalla Pro Loco. Alle 8.30 ritrovo in piazza del comune per iscrizione e a seguire colazione nella sede della Pro Loco. Alle 9.30 partenza verso Nicorvo al santuario della Madonna del Patrocinio, una chiesetta che fa parte della Via Francigena. Finita la visita si prosegue verso la Cascina Bosco, dove si scoprirà la coltivazione del riso biologico; a seguire ricco aperitivo. Dopo la pausa si raggiunge il Parco Naturale Valpometto, per il pranzo. Rientro verso Tornaco e arrivo per merenda. Quota di partecipazione 25 euro; bambini fino a 12 anni 10 euro. In caso di maltempo il pranzo è confermato presso la sede della Pro Loco. Per info e prenotazioni: 338.3422234 – 349.0505882.

Sabato 8 giugno appuntamento con BaVinum, una serata di degustazioni di vini e assaggi di prodotti tipici nel parco di Villa Fedora a Baveno. Ingresso a partire dalle 19, 15 euro con calice, assaggi e piatto caldo fino ad esaurimento posti. Info: Ufficio Iat piazza della Chiesa 8, 0323 924632, WhatsApp 345 7936361, info@bavenoturismo.it.

Sabato 8 giugno a Nibbiola appuntamento con la “Paella dei golosi” in piazza Genestrone. Dalle 20 upaella, dolce, caffè, e una bevanda a scelta: 15 euro. Prenotazione entro mercoledì 5 giugno, tel. 0321.84854 – 331.9383812 – 338.1457340.


Siamo tutti Appassionati

Sabato 8 giugno dalle 11 fino a sera è in programma a Casa Bossi la rassegna letteraria “Novara di carta”.  Leggi qui

Al Circolo dei lettori venerdì 7  18 Simone Verde presenta il suo libro “Le belle arti e i selvaggi” a colloquio con Giancarlo Andenna: il direttore del Complesso della Pilotta a Parma guida una riflessione sul patrimonio artistico italiano. Sabato 8 ore 18 Francesca Manfredi presenta “L’impero della polvere” a colloquio con Eleonora Groppetti: un romanzo sul potere arcaico dei legami famigliari, sulle più intime rivoluzioni del corpo e sull’istante in cui un’infanzia finisce.

A Pella sabato 8 giugno viene inaugurato il Festival Cusiano. Leggi qui

Ultimo fine settimana per il NovaraJazz. Leggi qui

Per I Venerdì dell’arte novarese venerdì 7 alle 17.30 nella Sala del Compasso “Novara, aggiornamenti archeologici”. Relatore Francesca Garanzini, Soprintendenza archeologia, belle arti e paesaggio per le province di Biella, Novara, VCO e Vercelli. Il quadro delle ultime attività di scavo svolte in città che aggiungono sempre nuovi tasselli alla conoscenza dell’antica Novaria, dalle fasi preromane a quelle medievali, sarà il tema dell’incontro di Francesca Garanzini, la referente dell’area funzionale per l’archeologia nella Soprintendenza: si completa così il viaggio attraverso i secoli e le trasformazioni urbanistiche della città che dalla protostoria arriva fino alle soglie dell’età moderna.

Stasera alle 21 al Conservatorio Cantelli incontro con il medico e divulgatore scientifico Roberto Burioni per il ciclo “Mettiamo in ordine le idee”.

Sabato 8 giugno 2019 alle ore 16 presso il Castello di Novara inaugurazione della mostra “La Forza del Tempo Fragile”. Nel quinto anno dalla scomparsa della scultrice Isabella Corni, la famiglia Corni e l’amico Tullio Zenone, hanno avuto l’opportunità di ricordarla organizzando, grazie al Comune di Novara, alla Fondazione Castello e ad ATL, per la prima volta, una mostra che vede esposte le sue sculture insieme ai disegni del padre, Francesco Corni. Il filo rosso di questa mostra ha definito un percorso a tappe, declinando il tema della “resilienza”, intesa come la capacità degli individui e delle comunità di affrontare gli urti e gli imprevisti della vita, uscendone rafforzati. Il tema ha orientato la scelta di 12 sculture di Isabella Corni, veri e propri «totem» di coraggio della persona umana (resilienza individuale) e una selezione coerente, nella moltitudine dei lavori di Francesco Corni, di altrettanti esempi espressi dalle comunità (resilienza sociale), a dimostrazione di quanto l’essere umano sia il più dotato nel rendere i tempi di crisi e le prove della vita occasioni di crescita e di cambiamento positivo. Altre 3 sculture, in legno d’ulivo, verranno esposte all’esterno del percorso espositivo, nel cortile del Castello, insieme alla “cupola viva” allestita da Tullio Zenone, una cupola di bambù che farà da palco e luogo di incontro per gli eventi organizzati durante il periodo dell’esposizione.

La stagione Vado a teatro al Teatro degli Scalpellini si conclude come ogni anno con REBEL-OT, la festa di strada del Teatro, delle Associazioni e delle Culture. Sabato 8 giugno, dalle 15 a mezzanotte, le strade di San Maurizio d’Opaglio e il Teatro degli Scalpellini saranno animati, dagli espositori artigiani, dall’angolo street food REBEL-EAT, dagli stand, dai giochi e dalle animazioni delle Associazioni. Quest’anno più articolato è il programma teatrale che prevede una performance + workshop di musical del locale Centro Arte Danza di Pella, tre spettacoli di teatro di strada-clown-nuovo circo.
Programma
ore 15, strade | Grande Gioco dell’Oca a squadre
ore  15.30 – 17.30, Teatro degli Scalpellini | Workshop di musical, a cura di Elena Valli, costo: euro 10 a persona.
ore  16 – 16.55 – 21.00 strada | UMPA LUMPA, Centro Arte Danza
Una coreografia flash mob di strada ispirata al musical “La fabbrica di cioccolato”.
ore 16.30 – 17.20 – 21.30 circa, strada | Piccola Compagnia Equivoca: STAGNO performance di danza sui trampoli, liberamente ispirata all’Audace soldatino di stagno di H.C.Andersen, con Cristiana Alfonsetti, Daniele Micheli
ore 18.50, Teatro degli Scalpellini | Patchwork, proiezione cortometraggio realizzato dal laboratorio teatrale del Liceo Galilei di Gozzano.
ore 17.45, Cortile privato via Roma | ALI, uno spettacolo di clown per tutte le età, di e con: Sara Gagliarducci
ore  19.30, via Roma | Cena sotto le stelle | euro 15, menù bambini euro 10
ore  22.15, piazza retro Chiesa: Eccentrici Dadarò, OPERATIVI spettacolo di teatro-circocon Umberto Banti, Andrea Ruberti, Dadde Visconti, regia Mario Gumina | Premio nazionale Cantieri di Strada 2014. Tre clown-soldati, un tedesco, un americano e un italiano, come in una barzelletta, arrivano in piazza alla guida della loro jeep militare. Ne succederanno di tutti i colori.


Divertimento e Distrazione

Sabato 8 giugno al quartiere Sant’Agabio laboratori, stand, giochi, teatro e musica, pranzo condiviso e una camminata per la Giornata della famiglia. Leggi qui

Sabato 8  e domenica 9 giugno è in programma, come da tradizione, la Festa del quartiere Santi Anna e Gioacchino a Trecate. Alle 20.45 di sabato 8 in Villa Cicogna verrà celebrata la Santa Messa allietata dal coro Don Gambino. Particolarmente ricca la giornata di domenica: inizio alle 9.00 con apertura dell’angolo del dolce e della Fiera di Sant’Anna in Villa e viale Cicogna. Seguirà alle 11.30 aperitivo con i “Brusatit” e apertura del banco enogastronomico all’area Pro Loco. Alle 15.00 spazio per i bambini con “The juggling circus company” e i balli dell’associazione “Happy days”. La festa si concluderà alle 18.00 con l’estrazione dei premi della lotteria di Sant’Anna.


Di Bene in Bene

Sabato 8 giugno farà tappa a Novara il progetto ‘TAVI è Vita’ con l’obiettivo di sensibilizzare le istituzioni, la comunità medico-scientifica e l’opinione pubblica sul tema della stenosi aortica e su questa  terapia innovativa ed alternativa alla sostituzione tradizionale chirurgica. Leggi qui


Oltre i confini

Il Museo del Paesaggio di Verbania presenta presso gli spazi di Villa Giulia a Verbania Pallanza “The Red Road Project”, un progetto della fotografa Carlotta Cardana e dell’artista Lakota Danielle SeeWalker. La mostra, curata e prodotta da Fonderia 20.9 di Verona, mette al centro il rapporto tra identità della comunità, cultura e paesaggio, nello specifico con una rilettura del complesso legame odierno dei nativi d’America con la loro terra e la cultura tradizionale. Circa 70 opere, tra immagini d’archivio e fotografie realizzate appositamente per il progetto, esplorano e documentano il rapporto tra la cultura tradizionale dei nativi americani e l’identità delle popolazioni tribali di oggi, in un viaggio tra diversi stati USA. Inaugurazione sabato 8 giugno ore 17.00, alla presenza delle artiste.

La chiusura del cartellone principale del Viotti Festival coincide con l’apertura dell’attesa rassegna dei concerti aperitivo Ducale.LAb, una piccola stagione nella stagione che, avvantaggiandosi delle temperature miti, quasi estive, si svolge all’aperto nel cortile interno del Museo Leone, di Vercelli, il cui magnifico colonnato fa da elegante cornice ai concerti cameristici. Venerdì 7 giugno (ore 18) sarà il primo appuntamento della rassegna, giunta alla sua quinta edizione, che prevede in tutto sei appuntamenti. Concerto con Pierluigi Clemente, chitarra.

Sabato 8 giugno alle ore 11 presso il Museo del Granito GranUM di Baveno viene inaugurato un nuovo focus espositivo dedicato ai più significativi documenti d’archivio legati alle cave di granito dall’Archivio storico comunale, completati con riproduzioni di preziosi documenti e antiche immagini fotografiche, gentilmente concesse dal Museo del Paesaggio di Verbania, dall’Archivio Borromeo Isola Bella e dall’Archivio del Comune di Mergozzo, partner di Baveno in seno all’Ecomuseo del granito. L’inaugurazione prevede un’introduzione a cura di Marinella Bianco, archivista e curatrice dell’esposizione. Il percorso si sviluppa in senso cronologico a partire dalla documentazione “Borromeo”, che si data tra il 1490 e il 1700, offrendo documenti che vanno dalle richieste di scalpellini per l’utilizzo di marmi e graniti, agli elenchi di scalpellini di Baveno che hanno prestato la loro opera per realizzazioni all’interno del Palazzo Borromeo all’Isola Bella. Si continua con il cuore centrale del percorso che vede protagonista la grande stagione estrattiva del XIX secolo, in cui troviamo il paesaggio di cava mirabilmente rappresentato dai disegni planimetrici delle numerose cave di granito rosa di Baveno e bianco di Montorfano, che venivano allegate alle richieste di concessione presentate dai cavatori ai comuni. Si chiude con la documentazione, oramai per lo più fotografica, delle cave di granito, dove fanno bella mostra una serie di immagini dell’Archivio del Museo del Paesaggio, digitalizzate per l’occasione, riferite agli anni Trenta del Novecento e alla Società Cooperativa Scalpellini Baveno, alcune delle quali ad oggi inedite. La mostra sarà visitabile nei seguenti giorni e orari: fino al 29 settembre tutti i giorni 9:00-12:30 e 15:00-18:00, dal 30 settembre al 31 ottobre da lunedì a sabato 10:30-12:30 – martedì, giovedì e venerdì anche 15:00-18:00.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Consigliati