Calcio Sport

Novara Calcio, una vittoria che può cambiare tante prospettive

Il successo di ieri a Siena rilancia la squadra azzurra nei play off per la promozione in serie B. Un evento che in pochissimi avrebbero creduto fino alla scorsa settimana al termine di una stagione del tutto anonima. Ma che potrebbe addirittura cambiare tante prospettive anche a livello di scelte societarie

Che la palla è rotonda e va (spesso) dove vuole non è un semplice gioco di parole. E ancora ieri, a Siena, se n’è avuta l’ennesima lampante dimostrazione. Soprattutto di quanto risulti spesso effimero un giudizio affrettato e a priori. Perché poi è sempre il campo, con tutte le sue sfaccettature, a innescare i consueti  ‘io l’avevo detto’ del giorno dopo.

Il Novara, contro ogni pronostico anche in termini di prestazione, ha spiazzato tutti vincendo a Siena e passando al turno successivo di play off per la promozione in serie B. Ad oggi, beninteso, non ha vinto nulla, ma è sicuramente cambiata l’inerzia morale di una squadra che era data per spacciata ancor prima di scendere sul terreno di gioco. E, forse, potrebbero anche cambiare del tutto le prospettive societarie, posto che i successi generano entusiasmo e spesso ne aumentano pure la quantità. In settimana il presidente Massimo De Salvo, in un incontro a Novarello con gli sponsor per la presentazione del torneo interno a loro dedicato, ha garantito l’impegno futuro in sella alla società. Certo, si dirà, non potrebbe essere diversamente visto che gli investimenti attuali della proprietà, oltre alla prima squadra e a quelle giovanili, sta puntando dritto alla realizzazione della Cittadella dello sport, del quale è soggetto proponente, per un investimento vicinissimo a 40 milioni di euro.

 

 

E’ importante tuttavia, se non addirittura imprescindibile, che ci sia anche una prima squadra che faccia da traino, che crei entusiasmo e porti gente a interessarsi delle maglie azzurre come invece, poco o nulla, è accaduto l’anno scorso (con la retrocessione dalla serie B) e soprattutto quest’anno quando è stato condotto un torneo di Serie C sicuramente non consono anche alle peggiori aspettative.

Fino a ieri, perché il successo di Siena potrebbe far saltare il banco di ogni pronostico affrettatamente fatto alla vigilia di questi play off. Le voci di interesse della Juventus prima, dell’Atalanta poi e fino a una non meglio precisata cordata di imprenditori dell’est Europa (peraltro messe a tacere sul nascere) non sono o non sembrano più di stretta attualità. C’è un progetto da proseguire, c’è una squadra che ha dimostrato di poter continuare l’avventura che porta alla serie B. Il bello, da mercoledì nella seconda sfida della post season, deve ancora venire. Non resta che attendere nuovi sviluppi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Consigliati

AdnKronos

Luglio e agosto i mesi più critici

Luglio e agosto i mesi più critici

A rischio normali adolescenti che non percepiscono il pericolo Napoli, 14 giu. (AdnKronos Salute) – Con l’inizio delle vacanze scolastiche,