Sport

Un ‘FUNtastic’ Mondiale per le acrobate borgomaneresi

Quattro ginnaste dell'Asd S.G. FUNtastic Gym 06 Borgomanero con la maglia della Nazionale Italiana al Mondiale di ginnastica acrobatica di Anversa

Grandissima soddisfazione per la FUNtastic Gym 06 Borgomanero che ha portato quattro sue atlete ai Campionati del Mondo di Acrosport disputati dal 1 all’11 aprile ad Anversa. In terra belga ben quattro ragazze del sodalizio borgomanerese hanno difeso i colori azzurri della Nazionale Italiana nel corso della più importante manifestazione di ginnastica acrobatica.

Le prime a scendere in pedana sono state Amelia Adduci ed Elisa Machieraldo che, nella categoria Coppia femminile dagli 11 ai 16 anni, hanno gareggiato con sicurezza mostrando esercizi originali e ben eseguiti ricevendo l’apprezzamento dei tecnici della delegazione e del vice presidente federale Valter Peroni presente ad Anversa. In seguito è poi toccato a Martina Piotti e Roberta Tambone, fresche di campionato europeo disputato qualche mese fa in Polonia, gareggiare nella categoria Coppia femminile dai 12 ai 18 anni. Il duo borgomanerese ha convinto giuria e pubblico grazie a ottime esecuzioni, sia sull’esercizio statico che dinamico, migliorando di quasi un punto lo score finale rispetto alla rassegna continentale.

La gara di Anversa è stata la conclusione di un percorso di selezione e allenamento partito molti mesi fa, all’interno del quale le ginnaste convocate in maglia azzurra hanno affrontato gare nazionali e internazionali (Ungheria, Polonia, Gran Bretagna solo per citare le ultime disputate) allo scopo di farsi trovare pronte per la rassegna mondiale. Elisa Machieraldo e Roberta Tambone hanno potuto vivere anche l’emozionante sfilata come porta-bandiere nella cerimonia di apertura della competizione. Insomma una grande soddisfazione, non solo per le ginnaste e le loro famiglie, ma anche per l’allenatrice Mara Rapetti (che ad Anversa era pure di tecnico della delegazione) e per l’associazione FUNtastic Gym, che ha visto crescere questi giovani talenti nel proprio vivaio e li ha poi coltivati fino a raggiungere l’obiettivo più alto per uno sportivo come l’appena compiuta partecipazione a un Campionato del Mondo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Consigliati