Calcio Sport

Verso una B a 20 squadre, il ripescaggio del Novara è appeso a un filo

L'assemblea di ieri, in attesa delle sentenze sui vari ricorsi, si è espressa per una riduzione degli organici. Il Novara, in attesa dell'ultimo parere della Figc, spera ancora nel ripescaggio ma l'ultimo precedente evoca solo brutti ricordi

L’assemblea della Lega di Serie B, che si è tenuta ieri, ha scelto di ridurre l’organico del campionato cadetto a 20 squadre. Come si legge nel comunicato “viste la delibera di richiesta del blocco dei ripescaggi fino a 20 squadre, presa lo scorso 10 luglio, e le sentenze previste in questi giorni, la Lega B ha deciso di attendere l’atto formale con cui la Federazione comunicherà gli organici del campionato prima di approvare le date della prossima stagione”. Il tutto, quindi, aspettando la sentenza sui vari ricorsi e delegando al Consiglio Direttivo di venerdì le date del calendario. Questa nuova situazione rischia di complicare, più di quanto non lo sia già, la questione del ripescaggio in serie B del Novara. Almeno fino a domani quando verranno discusse le istanze di Siena, Ternana e Pro Vercelli oltre a quella della stessa Figc.

Di fatto Cesena e Bari sono out e l’Avellino (che pure ha presentato un suo ricorso) è al momento escluso dalla Covisoc. Domani 1 agosto verranno quindi discusse le istanze delle tre società sopra citate che sperano di essere riammesse in cadetteria dopo essersi viste scavalcare in graduatoria da Novara e Catania che, in un primo step, erano state a loro volta escluse dalla Figc per aver subito sanzioni negli ultimi tre anni.

Resta solo da stabilire se da tutte queste squadre ne sarà scelta solo una nel caso il campionato fosse a 20 squadre oppure ne verranno scelte tre nel  caso il campionato venisse confermato a 22 squadre che, val la pena metterlo in conto, potrebbero salire addirittura a 23 qualora venisse accettato anche il ricorso dell’Avellino.

Insomma una situazione più intricata di quanto non lo fosse in partenza. Col Novara che, in una analoga posizione nel recente passato, ha pure la scottatura di un precedente affatto positivo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Consigliati

Sponsorizzato

La pubblicità su La Voce? PIù spendi più guadagni

La pubblicità su La Voce? Più spendi più guadagni

Lo sapevi che più pubblicità fai sul nostro quotidiano on line e sul nostro free press più guardagni? Da quest’anno, infatti, è stato approvato il cosiddetto Bonus Pubblicità che permette alle imprese, ai lavoratori autonomi e agli enti non commerciali di usufrire di un credito d’imposta in relazione agli investimenti pubblicitari incrementali effettuati sulla stampa. L’ammontare del beneficio Il credito d’imposta è pari al 75% del valore incrementale degli investimenti effettuati e, addirittura, del 90% nel caso si tratti di microimprese, piccole e medie imprese e start-up innovative.