Sport Volley

La grande festa Champions della Igor Novara

Tanti tifosi presenti per festeggiare il primo massimo trofeo continentale per club mai vinto prima da nessun club cittadino. Mercoledì la squadra sarà ricevuta a Roma dal ministro Giancarlo Giorgetti e forse anche da Papa Francesco. La Under 18, intanto, è campione regionale e prossima alle finali nazionali di categoria

Questo slideshow richiede JavaScript.

La grande festa per la conquista della prima storica Champions League. Più di 2mila tifosi si sono dati appuntamento al PalaIgor per festeggiare insieme alla squadra tornata stamattina da Berlino. L’impresa di ieri sera con il successo 3-1 inferto all’Imoco Conegliano altro non è stata che il coronamento di una stagione esaltante che ha portato in dote anche la Coppa Italia.

<<Ieri le ragazze hanno giocato una partita eccezionale – così la presidente suor Giovanna Saporiti – ma il merito va equamente suddiviso nel grande lavoro svolto in sinergia da staff tecnico e medico. Ognuno ha contribuito a una vittoria storica. Il nostro motto Agil amicizia, gioia, impegno e lealtà è deve essere sempre il nostro impegno ad alti livelli>>.

Particolarmente nutrita anche la rappresentanza di personalità del mondo sportivo, politico e imprenditoriale novarese. <<Novara è orgogliosa di voi – ha detto il sindaco Alessandro Canelli – siete la prima squadra ad aver portato la Champions in città. E’ un risultato davvero straordinario che merita un grande applauso>>.

Mercoledì la squadra sarà ricevuta, insieme al team di Civitanova che ieri ha vinto la Champions maschile, dal Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio dei ministri Giancarlo Giorgetti e forse anche da Papa Francesco. L’ultima chicca della serata è arrivata dal settore giovanile con la Under 18 che si è fregiata del titolo regionale ed è ora attesa alle fasi di finale nazionali in programma a Vibo Valentia.

 

 

 

Si chiude una stagione davvero molto positivo per il club di patron Fabio Leonardi. Tra qualche giorno si comincerà a lavorare per la prossima. <<Il nostro non è più un progetto – ha chiarito – ma può ormai considerarsi un modello. Questa Coppa significa tanto e premia il lavoro e l’impegno di ogni componente della società. Il nostro è uno sport che merita molto più rispetto e attenzione anche e soprattutto da parte delle istituzioni. Per il resto un grazie grande così  a tutte le ragazze e al nostro maestro Massimo Barbolini>>.

L’allenatore emiliano è alla sua quarta affermazione in carriera. Un poker di successi ottenuto su quattro panchine diverse. <<La vittoria della Champions – ha chiarito Barbolini – è arrivata dopo un percorso straordinario e dopo aver messo da parte quanto era accaduto prima. Non è stato facile ma ci siamo riusciti. Il merito è tutto di queste ragazze che ci hanno creduto fino alla fine>>.

Photocredit Andrea Marangon

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Consigliati

AdnKronos

Luglio e agosto i mesi più critici

Luglio e agosto i mesi più critici

A rischio normali adolescenti che non percepiscono il pericolo Napoli, 14 giu. (AdnKronos Salute) – Con l’inizio delle vacanze scolastiche,