Sport Volley

Il tie-break stavolta è fatale, a Cuneo primo ko per la Igor

Le novaresi perdono i primi due set ma operano una bella rimonta pareggiando i conti. Il mini parziale sfugge ai vantaggi (16-14) dopo aver sprecato due match ball. Sabato si torna in casa contro Casalmaggiore per l'ultima partita del 2018

Prima sconfitta stagionale per la Igor Novara. A Cuneo il tie break è stato stavolta fatale alle azzurre battute 3-2 dopo quasi due ore e mezza di partita. Un punto comunque prezioso, visti i risultati maturati sugli altri campi, che lascia le ragazze di Massimo Barbolini sempre solitarie in vetta alla classifica.

Le neopromosse padrone di casa partono fortissimo sfruttando la non perfetta ricezione e un muro troppo spesso ‘ballerino’ delle azzurre. La Igor accusa il colpo e i ripetuti cambi operati da coach Massimo Barbolini non portano i frutti sperati. Il ritmo basso fa il gioco di Cuneo che si aggiudica 25-19 il primo set. Le difficoltà in casa Igor non si placano neppure nel successivo parziale. Cuneo non sbaglia praticamente mai mentre Novara fatica ancora tanto sia in attacco che in difesa. Il risveglio azzurro nel finale è troppo tardivo, le locali vanno sul 2-0 chiudendo il set 25-21. Nel terzo set, dopo aver dato il massimo nei primi due, le cuneesi avvertono la fatica che appanna le idee. Novara, invece, ritrova il ritmo perduto e sale finalmente in cattedra. La verve azzurra aumenta punto dopo punto, Egonu e compagne mettono firma al 19-25 che accorcia le distanze.

 

 

La Igor macina punti a ripetizione anche nel quarto set. Il muro azzurro è quasi invalicabile, l’attacco gira a mille, la difesa lavora con positiva continuità. Un break di quattro punti (7-11) è sufficiente a scavare il solco e mettere la freccia risolutiva. Il vantaggio rimane intatto anche in seguito e qualche brivido di troppo nel finale, da 15-19 a 19-21 a 22-23, non evita a Novara di far suo il parziale 23-25 e portare la sfida al tie break. L’ultimo spicchio di partita è al calor bianco in un palasport sempre più in fibrillazione. E’ punto a punto fino alla strappo 9-7 per Cuneo. Il pari è cosa fatta con Egonu e Carlini (pure ammonita per eccessiva esultanza!) ma le padrone di casa mettono ancora avanti la testa. Le azzurre ricuciono poi sprecano due match point. Ai vantaggi è 16-14 per Cuneo che sigla il 3-2 per la prima sconfitta in campionato delle gaudenziane.

Risultati: Chieri-Club Italia 3-2, Firenze-Filottrano 3-1, Conegliano-Brescia 2-3, Scandicci-Bergamo 3-2, Cuneo-Igor Novara 3-2, Casalmaggiore-Busto Arsizio 3-1. Classifica: Igor Novara 29, Scandicci e Conegliano 25, Busto Arsizio 24, Casalmaggiore 23, Monza 20, Firenze 16, Brescia e Bergamo 15, Cuneo 12, Filottrano 6, Chieri 4, Club Italia 2.

Negli spogliatoi 

Chirichella: “Cuneo ha fatto molto bene, siamo riuscite a recuperare ma alla fine ci è mancata lucidità anche se parliamo di due soli punti di scarto nel finale di tie break. Da domani testa bassa per rimettere a posto qualcosa e pronte a ricominciare da sabato contro Casalmaggiore”.

Barbolini: “I complimenti a Cuneo sono doverosi, da parte nostra ci stava una sconfitta dopo tante partite vinte. Abbiamo tre giorni per sistemare e migliorare in alcune situazioni. Nei primi due set siamo andati in difficoltà in ricezione, anche se Cuneo ha battuto bene per tutta la partita. Siamo sempre davanti ma, senza fare drammi, bisogna essere umili. Quando si vince è tutto più facile, adesso che abbiamo perso dobbiamo ricominciare. Ma sono sicuro ci riusciremo”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Consigliati