Hockey Sport

Il pubblico latita ancora, l’Azzurra si arrende al Montecchio

Gli azzurri cedono di stretta misura 4-6 col Montecchio. Caduto nel vuoto l'appello della società: solo un centinaio gli spettatori presenti sugli spalti nonostante l'ingresso gratuito

L’Azzurra Novara risponde presente, il pubblico ancora no. I ragazzi di mister Erasmo Marcon giocano una buona gara contro il più titolato Montecchio che passa 4-6 al Dal Lago non senza soffrire. I padroni di casa, imbottiti di giovani, fanno la loro parte fino in fondo tenendo in bilico un risultato con un secondo tempo tutto cuore. A mancare, ancora una volta sul piano numerico, il pubblico. Non più di un centinaio di spettatori, nonostante l’ingresso gratuito offerto dalla società, per assistere a una sfida che è tuttavia risultata godibile e tecnicamente valida. E’ tornato il gruppetto dei supporters in Curva e questa è una buona notizia. Una ventina di ragazzi che hanno incitato dal 1’ la squadra con tanto di bandiere e tamburi. E’ stata, nello specifico, la prima volta in tutto il campionato. L’augurio della società è che possa ripetersi già da sabato prossimo quando, ancora al Dal Lago, arriverà la capolista Montebello.

 

 

 

“Abbiamo proposto l’ingresso gratuito per favorire il maggior numero di spettatori – commenta il presidente Massimiliano Baldina – purtroppo il riscontro è stato positivo solo in parte. Continueremo fino al termine della stagione consentendo l’ingresso libero. Crediamo in questa iniziativa e non sarà certo il dato di stasera a farci cambiare idea. Sono molto contento del gruppo presente in Curva. E’ stato bello sentire il tifo continuo dopo tanto tempo, spero tanto ritorni tra sette giorni e possa segnare l’inizio di una lunga storia”. Venendo alla partita il Montecchio ha fatto il vuoto nel primo quarto d’ora con le reti di Clavello Manfrin e Retis su rigore. L’Azzurra non si è data per vinta accorciando le distanze grazie a un gol di Gamaleri. Prima della sirena la quarta rete ospite di Manfrin mandava al riposo sull’1-4 le due squadre. Nella ripresa gli azzurri hanno attaccato a testa bassa e sono arrivati a un passo dagli avversari con un uno-due in pochi minuti siglato da Mele e Serrallomga. Due marcature di Retis hanno ristabilito le distanze in favore dei veneti che, nonostante la rete del 4-6 messa a segno ancora da Serralomga, hanno serrato le fila difendendo il prezioso doppio vantaggio fino al termine.

Risultati: Correggio-Roller Bassano 3-2, Pordenone-Montebello 3-4, Prato-Modena 6-5, Forte dei Marmi-Pico 6-3, Trissino-Cremona 3-4. Classifica: Montebello 42, Correggio 41, Roller Bassano 31, Montecchio e Prato 26, Cremona e Forte dei Marmi 22, Pordenone 20, Cremona 19, Trissino 18, Modena 13, Pico 10, Esergetica Azzurra Novara 4.

Photocredit Andrea Marangon

Questo slideshow richiede JavaScript.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Consigliati