Calcio Sport

Il 5 agosto Perugia-Novara di Tim Cup mentre Chajia è vicinissimo al Genoa

In caso di passaggio del turno gli azzurri affronteranno la vincente di Brescia-Pro Vercelli. Il giovane azzurro sempre più in predicato di vestire la maglia rossoblu. Nessuna novità sul fronte ripescaggio, se ne riparla a fine mese

Definito il tabellone della Tim Cup 2018/2019. Il Novara entrerà in gioco dal secondo turno, in programma domenica 5 agosto. Gli azzurri saranno di scena al ‘Renato Curi’ contro il Perugia. In caso di successo andranno successivamente a sfidare la vincente di Brescia-Pro Vercelli domenica 12 agosto.

L’ultima di radio mercato riferisce intanto il forte interesse del Genoa per Moutir Chajia. Il giovane talento, che piace anche al Verona, è a un passo dall’accordo col club ligure per una cifra prossima al mezzo milione di euro (bonus esclusi).

Nel frattempo il Consiglio Federale ha confermato la mancata iscrizione al campionato di serie B dell’Avellino. A oggi dunque, viste le già note esclusioni di Bari e Cesena, sarebbero tre le caselline mancanti per il raggiungimento delle 22 squadre al via nella prossima stagione in cadetteria. Il Novara ha presentato e vinto il ricorso e, secondo i criteri stabiliti, sarebbe davanti a Catania, Siena, Ternana e Pro Vercelli per il ripescaggio. Il condizionale è però ancora d’obbligo perché bisognerà prima attendere sia l’esito dei contro ricorsi presentati da Ternana e Figc che quello della società irpina al Collegio del Coni. Il termine per la presentazione delle domande di ripescaggio è fissato alle ore 13 del 27 luglio. Dopo quella data, forse, se ne saprà di più.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Consigliati

Sponsorizzato

La pubblicità su La Voce? PIù spendi più guadagni

La pubblicità su La Voce? Più spendi più guadagni

Lo sapevi che più pubblicità fai sul nostro quotidiano on line e sul nostro free press più guardagni? Da quest’anno, infatti, è stato approvato il cosiddetto Bonus Pubblicità che permette alle imprese, ai lavoratori autonomi e agli enti non commerciali di usufrire di un credito d’imposta in relazione agli investimenti pubblicitari incrementali effettuati sulla stampa. L’ammontare del beneficio Il credito d’imposta è pari al 75% del valore incrementale degli investimenti effettuati e, addirittura, del 90% nel caso si tratti di microimprese, piccole e medie imprese e start-up innovative.