Sport Volley

Igor, sconfitta all’esordio in Champions

Le azzurre pagano una serata negativa cedendo 3-1 a Conegliano. Coach Barbolini: "Abbiamo giocato una pessima partita".

Sconfitta in quattro set, all’esordio stagionale in Champions League, per la Igor Volley. Le ragazze di Massimo Barbolini pagano a caro prezzo una serata complessivamente negativa. Le igorine, dopo i primi due parziali dominati dalle padrone di casa, non sono riuscite a dare continuità all’ottima prestazione collettiva offerta nel terzo parziale. Nell’altro match del girone il Fenerbahce ha vinto 3-1 in casa dell’Agel Prostejov.

La sfida con Conegliano inizia subito nel peggiore dei modi. Le padrone di casa vincono a mani basse i primi due set. Il primo a 13, il secondo a 18 con le novaresi praticamente mai in vantaggio nel corso dei due periodi. La Igor, punta nell’orgoglio, si riprende con gli interessi nel terzo set tutto quanto scialacquato nei primi due. In avvio è botta e risposta. Prima Wolosz fa il break (3-0, ace) quindi Barbolini ferma il gioco con Novara che affida la reazione a Plak per il 3-3. Egonu opera l’allungo (5-6) ma De Kruijf riporta avanti le venete 8-7. Novara rimane in scia con Gibbemeyer (fast, 10-10) ed Egonu (13-13), poi Chirichella al servizio firma il sorpasso (13-14, ace) e propizia un break positivo che porta la Igor 13-17 nuovamente con Egonu. Ancora Egonu firma il 15-19, poi Chirichella mura Fabris e fa 16-21 con Santarelli a chiamare il timeout. Plak segna il 16-22 in parallela, Nicoletti entra e accorcia 18-23 a muro, poi Bricio trova due ace per il 20-23. Barbolini ferma il gioco. Plak conquista il set ball (20-24) e un errore di Nicoletti in attacco chiude il set sul 20-25. Nel terzo parziale il turno in battuta di Skorupa porta avanti Novara (2-5) ma Conegliano accorcia subito (4-5). Novara mantiene il vantaggio fino al 7-8. Quando due muri, su Egonu e Plak, riportano avanti Conegliano la partita di fatto finisce. Barbolini chiama il timeout sull’11-9 ma serve a poco. Fabris e Hill trascinano le venete avanti 16-10 che diventa presto un imprendibile 21-12. Hill conquista in pipe il match ball sul 24-14 e un ace di Wolosz segna la resa Igor sul definitivo 25-14.

Negli spogliatoi molto critico coach Massimo Barbolini: “Abbiamo disputato una pessima partita. Un peccato perché dopo i primi due set siamo riusciti a entrare in partita, giocando bene il terzo e anche il quarto fino a quando abbiamo subito un break pesante che ha chiuso la partita. Il futuro? Questo match deve essere per noi uno spartiacque. Dobbiamo crescere e per farlo servirà lavorare di più e meglio”.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Consigliati

AdnKronos

Luglio e agosto i mesi più critici

Luglio e agosto i mesi più critici

A rischio normali adolescenti che non percepiscono il pericolo Napoli, 14 giu. (AdnKronos Salute) – Con l’inizio delle vacanze scolastiche,