Sport Volley

E’ di Conegliano il primo atto di finale scudetto

Le gialloblu di Daniele Santarelli sbancano con un netto 0-3 il PalaIgor per la delusione dei 4000 spettatori di fede azzurra presenti. La Igor chiamata ora a vincere almeno una delle sue prossime partite in terra veneta per continuare la serie

Questo slideshow richiede JavaScript.

E’ di Conegliano il primo atto di finale scudetto. L’Imoco Conegliano sbanca con un netto 0-3 il PalaIgor e fa sua la prima partita di finale play off scudetto. Una partita pressoché perfetta da parte delle gialloblu di Daniele Santarelli che hanno avuto la partita in pugno fin dai primi scambi. Sul fronte azzurro, nonostante l’impagabile sostegno di 4000 tifosi presenti sulle gradinate, poca concretezza e ancor meno reazione contro un avversario spesso aiutato pure da tanti errori delle padrone di casa. «Abbiamo avuto un atteggiamento sbagliato – ha spiegato a fine partita capitan Francesca Piccinini – e serve farsi un bel esame di coscienza tutte insieme. Di contro posso però dire che dall’altra parte della rete Conegliano si è confermata una signora squadra e ha meritato la vittoria». Di fatto non c’è mai stata partita. Imoco ha vinto fin troppo agevolmente il primo set a 15 imponendosi poi a 20 e di nuovo a 15 nei due successivi.

 

 

 

Le due squadre si ritroveranno per gara-2 sabato 4 maggio al PalaVerde di Treviso e poi di nuovo lunedì per la terza partita sempre sul campo veneto. Una serie che, almeno a quanto visto stasera pende tutta dalla parte gialloblu. «Ci siamo ben imposti in gara 1 – taglia corto coach Santarelli – e niente è ancora deciso. Stasera non ci siamo espresse al meglio, tuttavia la mia squadra ha ben approfittato degli errori commessi da Novara». E’ indubbio che, anche grazie al fattore campo, le due prossime partite possono risultare decisive. «Il fattore campo – ha concluso il tecnico veneto – può contare solo ed esclusivamente se riesci a esprimerti al meglio. E noi oggi non sempre l’abbiamo fatto».

Photogallery Andrea Marangon

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Consigliati