Calcio Sport

Calcio Serie B, Frattini si sbilancia: “Entro questa settimana si decide sui ripescaggi”

Lo ha annunciato poco fa lo stesso presidente del Collegio di Garanzia del Coni con un tweet sul proprio profilo. Il Novara, con Siena, Pro Vercelli, Ternana e Catania, attende l'ultimo verdetto

“Il Collegio di garanzia dello Sport dovrà decidere in settimana sul formato della B e, se si deciderà per 22 squadre, quali tre hanno diritto. Io  ovviamente non ci sarò perché avevo già espresso pubblicamente la mia posizione per B 22. Le parti in causa riceveranno oggi richiesta di rinuncia a tutti i termini affinché io possa convocare il Collegio già in settimana per una decisione sulla serie B a seguito del decreto Tar Lazio”. Il tweet pubblicato qualche ora fa dal presidente del Coni Franco Frattini apre l’ennesima puntata, nella speranza che sia veramente l’ultima, sull’infinita e assurda serie dedicata ai ripescaggi che ha tenuto col fiato sospeso una mezza dozzina di società e migliaia di tifosi per tutta l’estate.

Che sia forse giunto il momento di pronunciare la parola fine, oltre alla pazienza di tutti, lo chiede a gran voce anche il calendario. Procrastinare oltre significherebbe arrivare alla sentenza del Tar prevista il 9 ottobre prossimo, quando forse ancora potrebbe non bastare. Il tutto segue alla nota emessa l’altra settimana dallo stesso Collegio di Garanzia che aveva dichiarato improcedibili i ricorsi di cinque club contro il blocco dei ripescaggi e la serie B a 19 squadre. Ma proprio il suo presidente Franco Frattini si era detto contrario alla decisione e favorevole a una serie B riportata alle originali 22 squadre . Sabato scorso il Tribunale Amministrativo del Lazio (Tar) ha invece accolto il ricorso presentato da Ternana e Pro Vercelli con espresso invito al Collegio di riconsiderare il ripescaggio dei due club. Che, a questo punto, potrebbe interessare anche Novara, Siena e Catania.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Consigliati

Sponsorizzato

La pubblicità su La Voce? PIù spendi più guadagni

La pubblicità su La Voce? PIù spendi più guadagni

Lo sapevi che più pubblicità fai sul nostro quotidiano on line e sul nostro free press più guardagni? Da quest’anno, infatti, è stato approvato il cosiddetto Bonus Pubblicità che permette alle imprese, ai lavoratori autonomi e agli enti non commerciali di usufrire di un credito d’imposta in relazione agli investimenti pubblicitari incrementali effettuati sulla stampa. L’ammontare del beneficio Il credito d’imposta è pari al 75% del valore incrementale degli investimenti effettuati e, addirittura, del 90% nel caso si tratti di microimprese, piccole e medie imprese e start-up innovative.