Gusto Spettacolo & Eventi Tempo libero
degusto

Degusto 2018: già sold out con 7 chef stellati e un Warhol in anteprima

Già prenotati tutti i posti, saliti da 240 a 300, per l'11^ edizione, che vedrà ai fornelli 12 chef, di cui 7 stellati. Uno arriva dal lontano Giappone. Il menù si allarga: rivisitazioni di prodotti tipici locali, ma anche dal resto del Piemonte e dalla vicina Lombardia

Due serate, 12 chef di cui 7 stellati, uno proveniente dal Giappone e 300 prenotazioni. Sono i numeri della 11^ edizione di Degusto, che andrà in scena al Castello il 21 e 22 settembre, ma che si preannuncia già sold out. «Per Novara questo è ormai diventato un appuntamento irrinunciabile – commenta Maurizio Grifoni, presidente Ascom Novara, promotrice dell’evento – Avevamo predisposto 240 posti a sedere, ma già a fine luglio siamo stati subissati di richieste, così li abbiamo fatti salire a 300 nelle due serate, ma siamo subito andati di nuovo al completo».

Tante le novità dell’edizione 2018: dalle new entry degli chef stellati Christian Milone e Jumpei Kuroda, il ritorno di Fabrizio Tesse, l’allargamento del parterre a professionisti provenienti da tutto il Piemonte e dalla provincia di Varese; ma soprattutto il nuovo «tocco d’arte». «In occasione delle due serate abbiamo organizzato un’anteprima della mostra “Andy Warhol e il suo mondo” curata dalla galleria Legart (si svolgerà dal 25 ottobre al 25 novembre al Castello) – continua Grifoni – e ospiteremo in anteprima una tela del famosissimo artista».

In sala saranno protagonisti anche i fiori, con un allestimento in stile “jungle”, curato da Federfiori, che assicura: «L’ambientazione giungla è il trend del momento». A servire ai tavoli ci saranno gli studenti dell’alberghiero Ravizza: «Per i nostri ragazzi questa rappresenta un’occasione importante per vedere con i loro occhi tanti chef stellati all’opera», commenta la dirigente scolastica Loreta Guacci. Il coordinamento di questi veri e propri fuoriclasse è affidato alla sapienza e all’esperienza di altri tre nomi molto noti: Gianpiero Cravero, Sabina Magistro (ristoratrice e presidente associazione commercianti Borgomanero) e Massimo Sartoretti (ristoratore e presidente Ascom Alto Piemonte). «Il nostro compito sarà simile a quello di un direttore d’orchestra – commenta Cravero – perché il prezioso lavoro dei singoli chef possa dare il massimo risultato alla serata in sala».

«E’ facile immaginare che un evento così sia già tutto esaurito – commenta l’assessore al Commercio Laura Bianchi – Qualità e bellezza lo rendono di altissimo livello e sono anche le ricette giuste, in tempi di crisi, per difendere e valorizzare i pregi del nostro territorio». Degusto è sostenuto e patrocinato da Camera di commercio, Fondazione Bpn e Novacoop, che mette a dispisizione i propri prodotti per gli chef.

In contemporanea, a fare da cornice, si terranno anche lo streetfood e la fiera alimentare: dal 21 al 23 settembre fra i giardini di via IV Novembre e in via Rosselli, anche con musica live e animazione per bambini.

In arrivo anche Chef sotto le stelle e Sapori d’autunno
Altri due eventi molto attesi, sempre dedicati al gusto, sono in arrivo. Nel week end, venerdì 14 e sabato 15 settembre, va in scena Chef sotto le stelle: 9 ristoranti del centro storico promuoveranno cene in dehor d’eccezione e a prezzi vantaggiosi. Mentre a ottobre e novembre tornerà la rassegna Profumi e sapori d’autunno: in una cinquantina di ristoranti del territorio aderenti sarà possibile gustare cene con prodotti tipici di stagione, con menu a prezzo fisso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Consigliati

Sponsorizzato

La pubblicità su La Voce? PIù spendi più guadagni

La pubblicità su La Voce? Più spendi più guadagni

Lo sapevi che più pubblicità fai sul nostro quotidiano on line e sul nostro free press più guardagni? Da quest’anno, infatti, è stato approvato il cosiddetto Bonus Pubblicità che permette alle imprese, ai lavoratori autonomi e agli enti non commerciali di usufrire di un credito d’imposta in relazione agli investimenti pubblicitari incrementali effettuati sulla stampa. L’ammontare del beneficio Il credito d’imposta è pari al 75% del valore incrementale degli investimenti effettuati e, addirittura, del 90% nel caso si tratti di microimprese, piccole e medie imprese e start-up innovative.