Famiglia Spettacoli&Eventi
«Una bellissima festa

«Una bellissima festa e ora la biblioteca è di tutta la città»

Centinaia di bambini hanno animato l'inaugurazione di sabato, per una struttura che ha cambiato volto e che da oggi è di nuovo regolarmente accessibile. «Questo lavoro – commentano gli artisti matteo Capobianco e Cosimo Bertone - ci resterà nel cuore, perché lo abbiamo realizzato nella nostra città»

«Una bellissima festa e ora la biblioteca è di tutta la città». Gli artisti Matteo Capobianco e Cosimo Bertone commentano così l’inaugurazione della sezione ragazzi della Negroni, andata in scena sabato 30 marzo fra centinaia di bimbi, accompagnati dai loro familiari. Da oggi la struttura è ufficialmente tornata accessibile al pubblico, come lo è da ormai oltre 20 anni (vedi qui gli orari di apertura). Ma con un’immagine completamente nuova.

Tre stanze diverse fra loro. Per accedervi è stata realizzata una porta a forma di alberi, come se si dovesse entrare in un bosco, sulla quale è stata ricordata Elve Fortis De Hyeronimis, illustratrice alla quale è intitolata la biblioteca. Nella seconda, coloratissima stanza, campeggia la “Macchina delle comete”, ispirata ai racconti di Gianni Rodari, mentre la terza è dai decorata con castelli medievali e arricchita da varie suggestioni: l’unico personaggio animato è un coniglio. «Questa scelta – spiega Capobianco – nasce dal desiderio che i bimbi si immergano in una storia, per poi continuare a fantasticare fra le pagine dei libri». Qui i giovani utenti troveranno anche due piccoli castelli in legno, con i quali potranno interagire. «Li abbiamo realizzati valorizzando i due armadi che già esistevano – aggiunge Bertone – ma dando loro una veste completamente rinnovata, con l’utilizzo di legno di recupero». Nella vetrina questo elemento già esistente «è stato valorizzato – spiegano gli artisti – in modo che possa essere attrattivo e fonte di curiosità per i giovani passanti», che si affaccia su corso Cavallotti un altro castello nel quale nascondere libri e giochi. «Questo lavoro – commentano a conclusione gli artisti – ci resterà nel cuore, perché lo abbiamo realizzato nella nostra città (dove hanno recentemente lavorato realizzando la cornice che ha avvolto il boccascena del Coccia nel “Rigoletto”, che ha aperto la stagione teatrale 2018-2019, ndr) e perché durante la lavorazione siamo tornati bambini anche noi. Un grande ringraziamento ad Alessio Onida, senza il quale le strutture presenti non potrebbero reggersi».

 

«Due artisti, grandi appassionati di street-art e di scenografia – spiegano il sindaco Alessandro Canelli e l’assessore alla Cultura Emilio Iodice – che hanno saputo proporre un restyling nel quale forme e colori diventano fonti di grande impatto comunicativo sui giovani utenti. L’intervento è stato reso possibile dal finanziamento da parte di Compagnia di San Paolo del progetto di educazione alla lettura “Un sasso in uno stagno” del quale il Comune è capofila in partnership con l’associazione Muse. La direzione dei lavori è a cura dell’architetto Michela Tarantini».

Soddisfazione anche da parte di Elena Monfalcone di Muse, che ricorda che «il restyling è il tassello finale di un progetto e che ha consentito di proporre in due anni una serie di attività. Come il progetto “Io amo leggere”, che ha coinvolto diciassette studentesse dell’indirizzo socio sanitario dell’istituto Ravizza, le quali hanno imparato l’arte della lettura ad alta voce dall’attrice Elena Ferrari, che hanno poi applicato in asili, case di riposo e ospedali. Inoltre abbiamo attivato la biblioterapia, rivolta a studenti delle superiori, docenti, detenuti e volontari della lettura; oltre al corso di formazione per insegnanti sulla visual thinking strategy per l’uso delle immagini nella didattica, in collaborazione con Vincenza Ferrara dell’Università la Sapienza. Infine avevamo messo in scena lo spettacolo di improvvisazione teatrale “Imaginarium” con Elena Lah e Roberto Boer».

La fotogallery dell’inaugurazione

Questo slideshow richiede JavaScript.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Consigliati

AdnKronos

Luglio e agosto i mesi più critici

Luglio e agosto i mesi più critici

A rischio normali adolescenti che non percepiscono il pericolo Napoli, 14 giu. (AdnKronos Salute) – Con l’inizio delle vacanze scolastiche,