In locandina Spettacoli&Eventi

Sold out per Angela Finocchiaro al Teatro Faraggiana

La celebre attrice porta in scena lo spettacolo "Ho perso il filo" cimentandosi in linguaggi  espressivi  mai  affrontati  prima

Una  commedia,  una  danza,  un  gioco,  una  festa. Questo  è “Ho perso il filo“, lo spettacolo sold out in scena mercoledì 23 gennaio alle 21 al Teatro Faraggiana con un’Angela Finocchiaro  inedita,   che   si   mette   alla   prova   in   modo   sorprendente   con   linguaggi  espressivi  mai  affrontati  prima,  per  raccontarci  con  la  sua  stralunata  comicità  e  ironia  un’avventura straordinaria, emozionante e divertente   al   tempo   stesso: quella  di  un’eroina pasticciona  e anticonvenzionale  che  parte  per  un  viaggio,  si  perde, tentenna  ma  poi  combatte  fino all’ultimo  il  suo  spaventoso  Minotauro.

Angela  si  presenta  in  scena  come  un’attrice stufa dei  soliti  ruoli: oggi  sarà  Teseo,  il  mitico eroe  che  si  infila nei meandri del Labirinto  per combattere il terribile Minotauro. Affida  agli spettatori  un   gomitolo  enorme  da  cui  dipende  la  sua  vita  e  parte.   Una  volta  entrata  nel Labirinto,  però,  niente  va  come  previsto.  Viene  assalita  da  strane  Creature, un  misto tra  acrobati, danzatori e spiriti dispettosi, che la  circondano, la  disarmano, la  frullano come fosse un frappè, e soprattutto tagliano il filo che le assicurava la via del ritorno.

 

 

Lo  spettacolo  vive  del  rapporto  tra  le  parole  comiche  di  un  personaggio  contemporaneo e la  fisicità   acrobatica,  primitiva,  arcaica  delle  Creature  del  Labirinto  che  agiscono,  danzano, lottano  con  Angela   provocandola  come  una  gang  di  ragazzi  di  strada  imprevedibili, spietati  e  seducenti.  Il  Labirinto  è  un  simbolo  antico  di  nascita, morte, rinascita. Anche Angela, dopo aver toccato il fondo, riuscirà a ritrovare il filo e con esso la forza per affrontare il Minotauro in un  finale inatteso che si trasforma in una festa collettiva coinvolgente e liberatoria.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Consigliati