In locandina Spettacoli&Eventi

Prosa e cabaret, risate assicurate al Teatro Coccia

Doppio spettacolo il prossimo fine settimana: venerdì 11 Nino Frassica con la Los Plaggers Band, mentre sabato e domenica saliranno sul palco Emilio Solfrizzi e Paola Minaccioni in "A testa in giù"

Doppio spettacolo in prossimo fine settimana al Teatro Coccia: venerdì 11 alle 21 salirà sul palco Nino Frassica accompagnato dalla Los Plaggers, band formata da sei formidabili musicisti; il nome Plaggers è una fusione tra Platters e plagio. Lo show è un originalissimo e coinvolgente viaggio musicale per oltre due ore di concertocabaret. Una grande festa, un’operazione di memoria musicale con un repertorio formato da oltre cento brani rivisti e corretti, in cui canzoni famosissime, pur mantenendo la propria identità, sono tagliate e ricucite alla maniera di Frassica. Verranno presentati brani come “Cacao Meravigliao”, “Grazie dei Fiori bis” o come “Viva la mamma col pomodoro” al quale verranno aggiunti “Viva la pappa col pomodoro”, ma anche “Mamma mia dammi cento lire” e sigle d’altri tempi come “Portobello” o le musichette della pubblicità; e ancora “Campagna” diventa “Voglio andare a vivere con i cugini di campagna”, e poi “Siamo donne” che si conclude con “Donna a Surriento”, “Neri per sempre”, “Tuca tuca” ecc…

Protagonista anche il pubblico che, travolto dal ritmo incalzante dello show, mentre si diverte con le invenzioni musicali di Frassica, può cantare e partecipare direttamente allo spettacolo grazie a medley dedicati alla musica degli anni ’60 e ’70, omaggi a Santana e Battisti fino a crearsi un’atmosfera di complicità e intesa, grazie all’inesauribile verve comica dell’artista siciliano.

Biglietti da 30 a 15 euro  in biglietteria o sul sito del Teatro.

All’insegna della prosa più classica la serata di sabato 12 e il pomeriggio di domenica 13 con i volti noti di Emilio Solfrizzi e Paola Minaccioni in “A testa in giù”, la commedia diretta da Gioele Dix tratta dal testo di Florian Zeller “L’envers du decor”.

Daniel invita a cena, contro il consiglio di sua moglie, Patrick suo migliore amico e la sua nuova partner Emma, per la quale ha lasciato la moglie. Emma, giovane e carina, provoca una tempesta negli animi dei commensali, scuotendo le loro certezze, risvegliando frustrazione, gelosia e invidia. L’originalità di “A testa in giù sta nel fatto” che il pubblico è testimone dei pensieri dei personaggi che parlano in disparte. Grande gioco di attori che svelano con la tecnica del doppio linguaggio una verità comica, crudele e meravigliosamente patetica.

Sabato 12 gennaio alle 21.00 e domenica 13 gennaio alle 16.00; biglietti da 32 a 17 euro in biglietteria o sul sito del Teatro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Consigliati

AdnKronos

Luglio e agosto i mesi più critici

Luglio e agosto i mesi più critici

A rischio normali adolescenti che non percepiscono il pericolo Napoli, 14 giu. (AdnKronos Salute) – Con l’inizio delle vacanze scolastiche,