In locandina Spettacoli&Eventi
il magico zecchino d'oro teatro coccia novara

La magia dello Zecchino d’oro approda sul palco del Teatro Coccia

Un musical dedicato al celebre festival canoro per bambini che quest'anno compie 60 anni

Alzi la mano chi non consce ritornelli come “Il Caffè della Peppina”, “Volevo un Gatto Nero” o “Quarantaquattro gatti in fila per tre con resto di due”. Adesso alzi la mano quanti sanno che queste celeberrime canzoni, e non solo, sono diventate tali grazie allo Zecchino d’oro, il noto festival canoro dedicato ai bambini giunto quest’anno alla sessantesima edizione. Un compleanno importante che viene festeggiato con la produzione di un musical, “Il Magico Zecchino d’Oro”,  nato dalla collaborazione tra Antoniano di Bologna, Fondazione Aida di Verona e Centro Servizi Culturali Santa Chiara di Trento con il sostegno di Geomag. Lo spettacolo è in cartellone al Teatro Coccia, domenica 29 ottobre alle 16 ed è rivolto a tutta la famiglia. Si tratta di uno spettacolo nello spettacolo in cui le canzoni saranno protagoniste assolute insieme alla fantasia e un pizzico di magia. Ricordi, emozioni, sensazioni, momenti vissuti e da rivivere questo e tanto altro sarà presente in quello che può essere definito un fantasy musicale in grado di sorprendere tutti, grandi e piccini. Protagonista è Alice, una bambina che, a volte, ha paura del buio. Con lei, in scena, l’Omino della Luna che manda i sogni ai bimbi mentre dormono grazie al tintinnio dello zecchino d’oro di cui, invece, vuole impadronirsi la Strega Obscura. Non mancheranno, poi, le avventure e gli incontri con alcuni dei personaggi più famosi delle canzoni che hanno fatto la storia dello Zecchino d’Oro. La regia è di Raffaele Latagliata, diplomato alla BSMT Bernstein School of Musical Theatre, vanta una lunga collaborazione con la Compagnia della Rancia. Insieme a Pino Costalunga, attore e regista esperto di letteratura per l’infanzia, curerà anche la drammaturgia. Le scenografie di Andrea Coppi, i costumi e gli oggetti di scena di Antonia Munaretti con Nadia Simeonova, le coreografie curate da Elisa Cipriani e Luca Condello ballerini solisti del Corpo di ballo dell’Arena di Verona, gli arrangiamenti musicali a firma di Patrizio Maria D’Artista giovane compositore e arrangiatore di colonne sonore per cinema e teatro. Importante il contributo dello scenografo Paolino Libralato che rappresenta un grande valore aggiunto. Il cast una vera garanzia con Gennaro Cataldo, Stefano Colli, Enzo Forleo, Maddalena Luppi, Giada Maragno e Rebecca Pecoriello.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Consigliati

AdnKronos

Luglio e agosto i mesi più critici

Luglio e agosto i mesi più critici

A rischio normali adolescenti che non percepiscono il pericolo Napoli, 14 giu. (AdnKronos Salute) – Con l’inizio delle vacanze scolastiche,