In locandina Spettacoli

“Contaminazioni Culturali”, al Brera musiche da tutto il mondo

Tre concerti in programma al Civico Istituto, che quest'anno festeggia i 160 anni della fondazione, realizzati in collaborazione con l'associazione Ri-Nascita

Un festival che mostrare le diverse forme espressive che provengono da luoghi lontani diffondendo la molteplicità di espressioni culturali. Si chiama, infatti, Contaminazioni Culturali la rassegna che avrà inizio il 14 ottobre ed è realizzata dal Civico Istituto Musicali Brera (che quest’anno festeggia i 160 anni della fondazione) e dall’associazione Ri-Nascita.

«Per contaminazioni – spiega Delia Leuzzi, presidente di Ri-Nascita – intendiamo uno scambio reciproco, una ricerca dell’espressività artistica con apertura d’animo secondo quello che è lo scopo della nostra associazione».

Tre, dunque, gli appuntamenti, in programma per tre domeniche alle 17 all’auditorium del Brera, con artisti e ensemble provenienti dai vari continenti. Si comincia questo fine settimana, domenica 14, con “Jussur Project – un ponte tra le culture” (Jussur in arabo significa ponte) con artisti provenienti da Tunisia, Palestina, India, CIba e naturalmente Italia. Domenica 4 novembre toccherà al “Tinsagu Project – un viaggio tra la tradizione nipponica e partenopea” con la voce della cantante giapponese Akiko Kozato, voce accompagnata alla chitarra da Walter Lupi mentre il 2 dicembre appuntamenti con “Raindrops – coinvolgere e divertire com un linguaggio universale“; per l’occasione Eva Feudo Shoo suonerà la chitarra a 7 corde, Dario Bersanini al sassofono tenore e Marzia Savoldi alla batteria.

Il festival è realizzato con il sostegno di Fondazione Banca Popolare di Novara, Reale Mutua assicurazioni e Al Calice di Vino.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Consigliati