Eventi&Cultura In locandina Spettacoli&Eventi

Ami e Tami, la favola bella di Hansel e Gretel

Un progetto del Teatro Coccia in collaborazione con la Scuola del teatro musicale in scena nel fin settimana. Tutta la platea diventerà parte del palcoscenico con l'allestimento del bosco magico

Ami e Tami, la favola bella di Hansel e Gretel. Una storia classica calata nell’era contemporanea, uno spettacolo a più livelli per adulti e bambini e quando il finale è quello che tutti si aspettano, allora diventa anche una riflessione sulla propria esistenza.

Una favola in musica scritta dal compositore russo Matti Kovler, cresciuto a Gerusalemme e naturalizzato statunitense: «La prima stesura dell’opera risale al 1999 quando avevo 17 anni – racconta durante la presentazione alla stampa – e dopo vent’anni ho ripreso in mano lo spartito e ho capito di avere bisogno di un libretto vero. A New York ho conosciuto Matthew Kelly (tra i migliori autori del momento ndr.) che ha scritto il testo con nuovi inserimenti tra cui il personaggio della nonna, fondamentale per tutta la storia».

 

 

Sì perchè, come ha ricordato Andrea Ascani, responsabile delle liriche italiane e della direzione vocale «questa è la storia di Hansel e Gretel, due fratelli che vivono a New York cresciuti con un’educazione molto rigida. La nonna, invece, accompagna i bambini in un bosco magico in cui i genitori diventano i cattivi, ma dopo essersi accorti di aver perso l’infanzia dei propri figli, ecco che arriva il lieto fine».

Un bosco magico che sarà allestito in platea: «Sono andato contro tutti i miei principi – racconta il Marco Iacomelli, direttore della Stm – ma questa volta mi hanno convinto che abbattere la quarta parete, quella del pubblico, era fondamentale perchè qui il vero protagonista è lo spettacolo e non le singole persone che lo compongono. Noi della Stm siamo felici di essere una risorsa per il Coccia tanto che tutta la scuola è stata coinvolta in questo progetto tanto impegnativo quanto divertente. Grazie a tutto lo staff del Teatro, ai tecnici che si sono occupati delle scene e delle luci dando ascolto alle mie folli richieste».

Anche il direttore musicale, Marco Alibrando – sul podio a dirigere l’ensemble Dedalo si è dimostrato soddisfatto: «Quando ho letto lo spartito non ho saputo dire di che genere di musica si trattasse, poi ho capito che aveva uno stile del tutto originale e che non si poteva chiudere in uno schema».

Il cast, composto da giovanissimi, è stato scelto attraverso dei provini: Ami è Enea Lorenzoni, studente al secondo anno  della Stm; Tami Marta Noè, 13 anni; la mamma e la strega sono interpretate da Giulia Diomese mentre il papà orco da Stefano Colli. E poi Leonardo Pesucci, Imf, che reciterà in falsetto e Silvana Isolani che sarà la nonna e che aveva recitato nella prima regia di Iacomelli. I cori sono quelli delle Voci Bianche e del Teatro Coccias diretti da Paolo Beretta e Alberto Veggiotti, Completano il cast gli studenti e i diplomati della Stm.

Lo spettacolo sarà messo in scena in anteprima per le scuole venerdì 29 novembre alle 11. Il debutto sabato 29 alle 21 e la replica domenica 1 dicembre alle 16. Biglietti in Teatro o al link https://biglietteria.fondazioneteatrococcia.it/home.aspx

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Consigliati