Solidarietà

In piazza Donatello il quartiere Rizzottaglia diventa un’opera d’arte

Grande successo all’Open Day di domenica scorsa con il progetto di urban art, tanti stand e il nuovo sportello disabilità

Questo slideshow richiede JavaScript.

In piazza Donatello il quartiere Rizzottaglia diventa un’opera d’arte. Grande successo all’Open Day di domenica scorsa con il progetto di urban art, tanti stand e il nuovo sportello disabilità. Volti, sorrisi ed espressioni. Ne hanno raccolte a decine i fotografi coinvolti nel progetto di urban art che farà diventare una parete del centro polifunzionale di piazza Donatello un’opera d’arte. Ha avuto infatti un’ottima partecipazione il primo atto del progetto ‘Mettiamoci la faccia’, lanciato durante la festa open day di domenica scorsa 26 maggio, che ha permesso anche di far conoscere le tante attività del centro polifunzionale e di annunciare l’apertura di un nuovo servizio, lo sportello per la disabilità gestito da Aiga Novara.

All’interno della struttura di piazza Donatello (di proprietà del Comune e riattivata da qualche anno dalla rete Agorà Donatello formata da cittadini ed associazioni del quartiere), è stato creato un set fotografico dove tutti, dai più ai meno giovani, hanno potuto posare davanti all’obiettivo di fotografi professionisti. Scatti che andranno a creare un’unica, grande, immagine che i ragazzi del quartiere posizioneranno su una delle pareti del centro, aiutati da un esperto di Street Art. L’iniziativa ‘Mettiamoci la faccia’ è realizzata di concerto con il progetto ‘Frontiere urbane’ promosso dall’associazione ‘I creattivi’ e finanziato attraverso un bando della Compagnia di San Paolo. “Da circa un anno e mezzo – spiega Davide Dagosta de ‘I creattivi’ – proponiamo street art, una forma di espressione artistica di cui Novara finora era priva, nei quartieri della città».

 

 

 

Il progetto ‘Mettiamoci la faccia’ si colloca all’interno delle azioni messe in campo dall’alleanza educativa formatasi nel quartiere, costituita dalla scuola media di via Juvarra (istituto comprensivo Bottacchi), dalla parrocchia San Francesco e dal progetto GAD – GenerAzioni Donatello, sostenuto da Fondazione Cariplo e Fondazione Comunità del Novarese, che da oltre un anno si occupa di potenziare le attività della struttura polifunzionale e di allargare la rete dei legami all’interno del quartiere. Nell’ambito del progetto GAD – GenerAzioni Donatello, nello specifico, quest’anno sono state proposte attività di sostegno allo studio con l’associazione ‘Attivalamente ed il corpo’ ed un cineforum per i ragazzi del quartiere a cura dell’educatore e psicologo Giuseppe Passalacqua.

Nel corso dell’Open Day spazio alle attività svolte nella struttura, grazie agli stand delle realtà che vi operano quotidianamente, come Agorà Donatello, Croce Rossa Italiana, Attivalamente… e il corpo, Caf EPAS, Tutelattiva, Agedo, Territorio e Cultura, Giuriform. Non sono poi mancati momenti conviviali come la golosa merenda a base di pane e nutella e l’aperitivo al nuovo bar di piazza Donatello, in compagnia del gruppo di quartiere de ‘I Barlafus’ e dell’orchestra di ‘Tutt’un’altra musica’. Infine, ma non da ultimo, la presentazione di un nuovo servizio dello sportello disabilità, promosso da Aiga Novara, l’Associazione Giovani Avvocati e Praticanti di Novara presieduta dall’avvocato Alessio Cerniglia. Giulia Carvoli e Federica Bonfiglio, referenti del progetto, hanno confermato che lo sportello sarà aperto, in via sperimentale, nei prossimi due mesi ogni 15 giorni, più precisamente giovedì 13 e 27 giugno e giovedì 11 e 25 luglio dalle 16 alle 18. «Daremo un aiuto a districarsi nella burocrazia per garantire a tutti l’accessibilità ai servizi ed alle tutele garantite sia a livello locale, che nazionale ed internazionale. E’ il primo passo per creare una figura dell’avvocato per il sociale anche a Novara».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Consigliati

AdnKronos

Luglio e agosto i mesi più critici

Luglio e agosto i mesi più critici

A rischio normali adolescenti che non percepiscono il pericolo Napoli, 14 giu. (AdnKronos Salute) – Con l’inizio delle vacanze scolastiche,