Salute

‘Maggiore’: dalla Fondazione Lualdi un prezioso strumento per la salute dei neonati

Il monitor CFM Brainz, donato stamattina dall'Opera Pia Eletto Lualdi al reparto di Terapia Intensiva Neonatale, consentirà un sistema di monitoraggio avanzato delle funzioni cerebrali dei neonati che hanno avuto un parto travagliato o uno stato di sofferenza asfittico

L’importante strumentazione CFM Brainz, donata stamattina dall’Opera Pia Eletto Lualdi al reparto di Terapia Intensiva Neonatale, consentirà un sistema di monitoraggio avanzato delle funzioni cerebrali dei neonati che hanno avuto un parto travagliato o uno stato di sofferenza asfittico.

Questo slideshow richiede JavaScript.

«E’ di un’apparecchiatura ad alta tecnologia, estremamente affidabile, che riconosce immediatamente dopo la nascita se il cervello dei piccoli pazienti ha sofferto durante il parto, qual è il grado di sofferenza, se sono presenti convulsioni non rilevabili clinicamente – spiega Federica Ferrero, responsabile del reparto – con una tale tempestiva e precoce valutazione, effettuabile tra l’altro, direttamente dal neonatologo che ha assistito al parto, viene indicato il corretto trattamento senza perdere tempo molto prezioso in questi. È infatti dimostrato che quanto più precocemente vengono instaurare le terapie adeguate, tanto migliore sarà il futuro di questi bimbi, evitando o riducendo i danni cerebrali che si possono instaurare. Ancora oggi non è purtroppo un problema infrequente: infatti l’incidenza di asfissia grave alla nascita è di 1-2 casi ogni 1000 nati, mentre gradi più lievi di sofferenza neonatale riguardano circa 10 neonati su 1000 ogni anno. Nel reparto di Terapia Intensiva Neonatale dell’Aou Novara ogni anno vengono ricoverati più di 20 neonati che presentano questi gravi problemi alla nascita».

 

 

 

L’importanza della donazione assume un ulteriore significato perché la Neonatalogia dell’ospedale di Novara è il punto di riferimento anche delle province di Vercelli, Biella e Vco e il CFM Brainz monitor sarà a disposizione di tutti i pazienti del Piemonte nord-orientale. L’importo stanziato, pari a circa 30mila euro, è stato assicurato dagli amministratori della Fondazione rispettando le volontà testamentarie di Eletto Lualdi.

«La Fondazione Opera Pia Eletto Lualdi – ha aggiunto il presidente Enrico Brustia – trae origine dal lascito testamentario del Cavalier Lualdi deceduto il 22 luglio 1924. La volontà del testatore era la realizzazione di un nuovo ospedale per ‘bambini poveri’ e a tal fine affidava ad un Consiglio formato da rappresentanti degli Ordini Professionali degli Avvocati, degli Ingegneri dei Medici, dei Notai e dei Commercialisti, l’amministrazione del notevole patrimonio accumulato in vita al fine di “…alleviare le sofferenze all’infanzia…».

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Consigliati

AdnKronos

Luglio e agosto i mesi più critici

Luglio e agosto i mesi più critici

A rischio normali adolescenti che non percepiscono il pericolo Napoli, 14 giu. (AdnKronos Salute) – Con l’inizio delle vacanze scolastiche,