Provincia Trecate

Trecate, il maxi appalto global service rinviato a settembre

Il sindaco Federico Binatti accoglie le richieste dell'opposizione che ha chiesto tempo per esaminare lo studio di fattibilità

Trecate, il maxi appalto global service rinviato a settembre. Lo ha deciso il consiglio comunale che si è svolto lunedì, su proposta dello stesso sindaco Federico Binatti.

Il problema delle difficoltà per i consiglieri ad esaminare la voluminosa documentazione dello studio di fattibilità che descrive le caratteristiche tecniche ed economiche del gigantesco affidamento esterno di tutte le manutenzioni, dallo strade al verde pubblico, era stato sollevato nei giorni scorsi in particolare dai consiglieri del Partito Democratico.

Del resto il cosiddetto «global service» impegna l’amministrazione trecatese per 24 anni, per un importo previsto di oltre 26 milioni di euro, da versare in canoni annuali.

Una scelta quindi da non compiere di certo a cuor leggero.

Le perplessità dell’opposizione sono state fatte proprie dal sindaco Binatti, che in apertura di seduta ha chiesto il rinvio della discussione alla prima seduta utile dopo la pausa estiva, in modo da dare tempo a tutto il consiglio comunale di approfondire nei dettagli le caratteristiche del progetto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Consigliati

Sponsorizzato

La pubblicità su La Voce? PIù spendi più guadagni

La pubblicità su La Voce? Più spendi più guadagni

Lo sapevi che più pubblicità fai sul nostro quotidiano on line e sul nostro free press più guardagni? Da quest’anno, infatti, è stato approvato il cosiddetto Bonus Pubblicità che permette alle imprese, ai lavoratori autonomi e agli enti non commerciali di usufrire di un credito d’imposta in relazione agli investimenti pubblicitari incrementali effettuati sulla stampa. L’ammontare del beneficio Il credito d’imposta è pari al 75% del valore incrementale degli investimenti effettuati e, addirittura, del 90% nel caso si tratti di microimprese, piccole e medie imprese e start-up innovative.