Provincia Trecate

Trecate dona nuove attrezzature ai Vigili del Fuoco

La consegna è avvenuta ieri: un kit di attrezzi anti scintilla che permette di effettuare lavoro meccanico senza causare esplosioni o incendi

Il comune di Trecate dona nuove attrezzature al comando provinciale dei Vigili del Fuoco. Si tratta di una serie di strumenti destinati a intervenire un sicurezza negli ambienti a rischio esplosione. L’esigenza era nata nel mese di ottobre durante un’esercitazione di Protezione Civile al polo petrolchimico di San Martino.

«In quell’occasione – ha commentato il sindaco, Federico Binatti – sono state riscontrate alcune criticità: abbiamo quindi lavorato insieme al Comando provinciale dei Vigili del fuoco per superarle e per dare la possibilità ai soccorritori di lavorare in piena sicurezza. Grazie alla variazione di bilancio approvata a novembre sono state stanziate le risorse necessarie per comprare l’attrezzatura richiesta che sarà donata ai Vigili del fuoco».

Gli strumenti, del valore di 6.600 euro, sono stati consegnati ieri, giovedì 7 febbraio, al capo dei pompieri Calogero Turturici e al suo vice Antonio Summa: un kit di attrezzi anti scintilla che permette di effettuare lavoro meccanico senza causare esplosioni o incendi.

«L’esercitazione di ottobre era andata molto bene – ha spiegato il Comandante provinciale dei Vigili del fuoco Calogero Turturici – ma abbiamo concentrato l’attenzione sulle difficoltà di comunicazione tra la zona rossa dove i soccorritori operano e l’area decisionale, lontana dalla zona di rischio, dove però è necessario un collegamento diretto per prendere le giuste decisioni».

Una criticità emersa in molte esercitazioni in aziende ad elevato rischio in tutta la Provincia come ha evidenziato il vicecomandante Antonio Summa: «Quando bisogna operare un intervento in un contesto così pericoloso si circoscrive una zona rossa in cui si svolgono le operazioni e successivamente si delinea un’area di pianificazione di circa due chilometri di diametro in cui si preparano i soccorsi sanitari e le cui vie di accesso vengono monitorate dalle Forze dell’ordine. Le comunicazioni tra queste due aree sono fondamentali, ma non possono essere tenute con i mezzi tradizionali. Per questo ci si è dotati di una radio ricetrasmittente e di un telefono ATEX per zona 0 che permettono comunicazioni sicure per chi è impegnato nelle operazioni di soccorso».

Nella stessa occasione è anche stata presentata l’auto consegnata alla Protezione Civile, una Hyundai confiscata tempo fa dai vigili a un automobilista fermato alla guida in stato di ebbrezza: «Ci auguriamo che sia il primo mezzo di una flotta – ha detto il comandante dei vigili Pier Zanatto – e che il suo arrivo favorisca il reclutamento di volontari per creare un nostro nucleo di protezione civile. Per le esigenze di protezione civile abbiamo un accordo con la squadra antincendio boschivo Aib di Oleggio, mentre a Trecate non c’è nulla. L’apporto dei volontari è fondamentale, noi abbiamo 14 agenti e 4 mezzi».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Consigliati