Provincia Trecate

L’asilo di Trecate resta chiuso, 229 bambini a casa

L'ha deciso l'amministrazione comunale in seguito al crollo della controsoffittatura avvenuto sabato sera durante una festa di compleanno. Contattate le scuole le Comuni limitrofi per trovare una sistemazione temporanea agli alunni

L’asilo Fratelli Russi di Trecate resta chiuso, 229 bambini a casa. L’ha deciso l’amministrazione comunale in seguito al crollo della controsoffittatura avvenuto sabato sera durante una festa di compleanno. Una tragedia sfiorata che ha contato cinque feriti, tre adulti e due bambini.

La scuola, che ha sede in via Battisti 4, è riconosciuta giuridicamente come IPAB (Istituto pubblico di assistenza e beneficenza) e gestisce in proprio alcune sezioni di scuola dell’infanzia con un contributo annuo del Comune per contenere i costi di gestione del servizio: «L’amministrazione comunale  – spiega il sindaco, Federico Binatti – sta collaborando con il consiglio di amministrazione della Fratelli Russi per affrontare le diverse problematiche connesse alla chiusura della struttura, come la ricerca di soluzioni alternative per garantire il mantenimento del servizio alle famiglie trecatesi. In questi giorni, infatti, gli uffici comunali stanno contattando gli altri asili di Trecate e dei comuni limitrofi, sia pubblici che privati, per capire quali siano le disponibilità a ospitare gli alunni della Fratelli Russi. Già domani in serata dovremmo avere un quadro abbastanza preciso».

 

 

In un primo momento, gli amministratori della scuola avevano individuato come alternativa alcuni locali dell’oratorio maschile, ma poi l’idea è stata scartata in seguito alla mancanza di idoneità dei locali stessi: «La difficoltà a reperire spazi – continua Binatti – è dovuta sia al fatto che le scuole del territorio sono sature di alunni, sia perché eventuali strutture devono necessariamente possedere requisiti compatibili con una scuola materna come servizi igienici e attrezzature didattiche utilizzabili da bambini appartenenti alla fascia d’età 3-6 anni».

Dopo la relazione dei Vigili del Fuoco, la struttura è stata dichiarata inagibile e messa sotto sequestro e, al momento, non sono calcolabili nè la spesa nè i tempi di realizzazione dei lavori di ristrutturazione.

 

Leggi anche «Tragedia sfiorata: poco prima i bimbi erano sotto al punto di cedimento ad aprire i regali»

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Consigliati

AdnKronos

Luglio e agosto i mesi più critici

Luglio e agosto i mesi più critici

A rischio normali adolescenti che non percepiscono il pericolo Napoli, 14 giu. (AdnKronos Salute) – Con l’inizio delle vacanze scolastiche,