Cameri Provincia

Inoltriamoci, il progetto del comune di Cameri

L’assessorato all’Istruzione ha raccolto le esigenze della scuola e delle famiglie offrendo nuovi spazi di intervento e di aggregazione per i minori e coordinare al meglio le iniziative già in atto sul nostro territorio

Inoltriamoci, il progetto del comune di Cameri. INsieme OLTRe la scuola In AMicizia Oltre i Confini Inutili. È questo lo scopo del progetto “Inoltriamoci” nato nel 2015, per iniziativa dell’assessorato all’Istruzione del comune di Cameri che, raccogliendo le esigenze della scuola e delle famiglie, ha voluto offrire nuovi spazi di intervento e di aggregazione per i minori e coordinare al meglio le iniziative già in atto sul nostro territorio.

«Inoltriamoci – spiega Laura Lupo, consigliera con delega alle politiche scolastiche – è il frutto di un lavoro di rete che ha impegnato negli anni, oltre ai rappresentanti dell’amministrazione comunale anche quelli dell’associazione dei Genitori, rappresentanti del Consiglio della Biblioteca, il Dirigente Scolastico, Docenti e genitori di Scuola Primaria e Secondaria di primo grado, rappresentanti della Scuola dell’Infanzia Don Valli, educatrici della Cooperativa Elios, l’Oratorio. Fondamentale è il lavoro costante e indispensabile dell’Associazione dei Genitori “Insieme per la scuola”».

Il progetto ha come destinatari bambini della scuola primaria e ragazzi della secondaria, senza alcun onere da parte delle famiglie: «L’intervento a favore di bambini e ragazzi si articola in due parti – prosegue Lupo – un intervento prettamente “scolastico” rivolto agli alunni di classe prima della scuola primaria, assistenza nei compiti, e di classe quarta e quinta, supporto nello studio per alunni che faticano a studiare a casa o necessitano dell’acquisizione di un metodo efficace; il doposcuola si svolge presso la Biblioteca Comunale e vede la partecipazione di volontari e di studenti universitari che hanno l’opportunità di un’esperienza nuova e formativa ed anche la possibilità di ricevere un contributo agli studi da parte dell’associazione dei genitori. Poi ci sono le attività di laboratorio rivolte principalmente ai ragazzi della secondaria e ad un piccolo gruppo di alunni delle ultime classi della primaria e si svolgono nei locali dell’Istituto assegnati all’Associazione dei Genitori, presso l’Oratorio e la Biblioteca Comunale; anche in questo caso sono tenuti da volontari e professionisti che mettono a disposizione conoscenze e competenze, anche dimenticate, aiutando i ragazzi a riappropriarsi di attività manuali, a sviluppare creatività e capacità di progettazione, ad esprimersi con linguaggi diversi, a lavorare insieme».

Nel primo anno, il progetto è stato presentato a “Nova Coop”, nell’ambito dell’iniziativa “Adotta una scuola”; nel 2016 ha ricevuto il contributo CRT mentre negli anni successivi ha partecipato e vinto il bando di Compagnia di San Paolo “Educare bene crescere meglio- KIT montiamo insieme il tuo futuro” ricevendo un contributo di quindicimila euro per ciascun anno.

«La partecipazione al bando  – continua Lupo – vede la nascita contemporanea del Gruppo in rete che riunisce rappresentanti delle diverse agenzie educative: oltre agli amministratori che si occupano di scuola e di cultura, docenti e genitori dei vari ordini di scuola, Associazione dei Genitori, oratorio, biblioteca, SET. Il lavoro in rete risponde agli indirizzi contenuti nel PTOF (Piano Triennale dell’Offerta Formativa) dell’istituto comprensivo Tadini e intende essere un punto di riferimento e collegamento costante tra tutti coloro che, nella nostra comunità, hanno a cuore i minori, le loro famiglie, la scuola, l’istruzione e la cultura e più in generale la crescita sociale e civile del nostro paese. Negli anni il progetto ha coinvolto centinaia di bambini nel doposcuola e nei laboratori, e diverse decine di adulti, alcuni anche provenienti da fuori Cameri, negli incontri a tema con una partecipazione attenta, attiva, propositiva, che ha coinvolto ogni volta nuovi genitori, educatori e docenti. Ci auguriamo che l’esperienza positiva di questi anni possa continuare e migliorare».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Consigliati

AdnKronos

Luglio e agosto i mesi più critici

Luglio e agosto i mesi più critici

A rischio normali adolescenti che non percepiscono il pericolo Napoli, 14 giu. (AdnKronos Salute) – Con l’inizio delle vacanze scolastiche,