Boca Provincia
santuario di boca

Il santuario di Boca rivive grazie a Fondazione Crt

Assegnati 210 mila euro per il recupero strutturale della porzione Ovest della copertura, l’adeguamento dei locali destinati ad accogliere in modo stabile l’Associazione Alcolisti Anonimi e Gruppi Familiari e la valorizzazione del bene attraverso l’attivazione di una mostra permanente su Alessandro Antonelli

Il santuario di Boca rivive grazie a Fondazione Crt che ha assegnato i primi tre contributi, per totale di 600 mila euro, nell’ambito del grande progetto “Santuari e Comunità – Storie che si incontrano” e che ha l’obiettivo di recuperare e valorizzare un Santuario per ciascuna Diocesi del territorio attraverso interventi fondati su tre pilastri inscindibili: restauro dei beni, iniziative per l’inclusione sociale, azioni di promozione culturale e turistica per la crescita e lo sviluppo dei contesti locali.

 

 

Tra questi il santuario del Santissimo Crocifisso di Boca al quale sono stati assegnati da 210 mila euro per il recupero strutturale della porzione Ovest della copertura, l’adeguamento dei locali destinati ad accogliere in modo stabile l’Associazione Alcolisti Anonimi e Gruppi Familiari e la valorizzazione del bene attraverso l’attivazione di una mostra permanente su Alessandro Antonelli, la realizzazione di percorsi culturali tematici in rete con le istituzioni museali del territorio, oltre ad escursioni naturalistiche alla scoperta dell’ecosistema boschivo e della composizione geologica del suolo. Partner del progetto sono l’Associazione Alcolisti Anonimi e Associazione Gruppi Familiari Al-Anon, il Club per l’Unesco Terre del Boca e l’APS Monterosa Promotion.

Oltre alle risorse assegnate – ripartite sulle tre componenti del progetto – Fondazione CRT ha messo anche a disposizione un contributo di 12.500 euro per ciascun intervento, attraverso la modalità del matching grant, ovvero di raddoppio delle donazioni raccolte tramite il fundrasing. Sul modello avviato con successo per il Santuario della Consolata di Torino, infatti, è previsto anche per il progetto “Santuari e Comunità” il coinvolgimento di giovani fundraiser specificatamente formati per attivare campagne di raccolta fondi a beneficio delle attività di restauro e delle iniziative sociali e culturali selezionate e finanziate dalla Fondazione CRT.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Consigliati