Orta San Giulio Provincia

Il Palazzotto di Orta rinasce grazie a FCN e Fondazione Cariplo

Uno dei progetti premiato dal Bando Emblematici Provinciali 2018 con uno stanziamento di 150.000 euro. È possibile che la struttura possa riaprire al pubblico tra la fine del 2019 e la primavera del 2020

Il Palazzotto di Orta rinasce grazie a FCN e Fondazione Cariplo. Il suo restauro, infatti, è uno dei progetti a essere stato premiato dal Bando Emblematici Provinciali 2018, ottenendo uno stanziamento di 150.000 euro. Gli altri quattro riguardano, invece, le cucine didattiche di “I care Kitchen” di Anffas Valsesia, la valorizzazione del complesso di Monte San Salvatore a Massino Visconti, il restauro della Chiesa di Santa Marta ad Arona e il completamento della struttura polifunzionale di Gargallo

«Gli Emblematici Provinciali – commenta il Presidente della Fondazione Comunità Novarese Cesare Ponti – sono quei progetti in grado di produrre un impatto significativo sulla qualità della vita di una comunità e sulla promozione dello sviluppo culturale, sociale ed economico di quel territorio. Fondazione Cariplo, con il supporto di Fondazione Comunità Novarese Onlus. Abbiamo fin da subito apprezzato questo progetto perché si proponeva non solo il recupero e la valorizzazione del Bene ma anche la sua fruibilità. Potrà diventare un luogo di attrazione turistica e culturale».

 

 

Sarà portato a compimento un lotto di interventi relativi ai locali interni (pareti, serramenti, pavimenti e soffitti, impianti) al fine di renderne gli spazi fruibili al pubblico e di destinarli all’esposizione permanente di documenti e oggetti artistici riguardanti la storia della Comunità di Orta San Giulio, che oggi si trovano a Villa Bossi.

Questo progetto consente, quindi, di valorizzare la tradizione riportando ad antico splendore una bellezza del passato, ma con una fruibilità tutta moderna.

Sia Fondazione Cariplo, sia Fondazione Comunità Novarese Onlus attribuiscono un forte valore alle “reti di collaborazione” che, come in questo caso con il Comune di Orta, l’Associazione “Amici della Musica Vittorio Cocito” e l’Ecomuseo del Lago d’Orta e Mottarone, hanno ottenuto il risultato sperato.

Tutti i lavori dovrebbero terminare a fine autunno, e quindi è possibile che il Palazzotto possa riaprire al pubblico tra la fine del 2019 e la primavera del 2020.

  1. Avatar
    maria grazia

    Bella notizia! finalmente qualcuno si occupa di un bellissimo edificio e si preoccupa della sua salvaguardia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Consigliati