Meina Provincia

I piccoli ambasciatori di pace Saharawi sono arrivati a Meina

Dopo l'incontro dei giorni scorsi con Papa Francesco, rimarranno sul Lago Maggiore fino al 24 agosto

Rimarranno sul Lago Maggiore fino al 24 agosto 12 12 bambini Saharawi che, come accade ormai da anni, trascorrono un breve periodo di vacanza nelle nostre zone. L’iniziativa, promossa da diverse associazioni ed enti è coordinata dal circolo di Legambiente “Amici del Lago”.

Il popolo Saharawi è una etnia che vive nel Sahara occidentale. Un territorio “annesso” al Marocco e che, nonostante una risoluzione dell’Onu ne riconosca il diritto all’indipendenza, continua a vivere in condizioni di oppressione. I ragazzi che sono arrivati ieri a Meina provengono da una campo profughi che si trova fuori dal territorio marocchino e precisamente nel sud dell’Algeria.

Si tratta di bambini di età compresa fra gli 8 ed i 12 anni  che saranno ospiti alle scuole di Meina e che sono arrivati in Italia il 1° luglio: in queste settimane hanno già trascorso un periodo di soggiorno nei comuni di Sesto Fiorentino, Campi Bisenzio, Montespertoli, Firenze e Rosignano Marittimo. Lo scorso  mercoledì 8 agosto, sono stati ricevuti  da Papa Francesco (nella foto in alto). A Meina sono previsti momenti di svago, divertimento e visite mediche per valutare lo stato di crescita e di salute.  Nel corso del soggiorno, i bambini ed i loro accompagnatori avranno occasione di incontrare i rappresentanti delle istituzioni locali per sensibilizzare anche sul piano politico facendo conoscere la loro drammatica situazione.

Ieri in Municipio a Meina è stato organizzato un semplice momento di benvenuto e una prima presa di contatto con la realtà locale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Consigliati

Sponsorizzato

La pubblicità su La Voce? PIù spendi più guadagni

La pubblicità su La Voce? Più spendi più guadagni

Lo sapevi che più pubblicità fai sul nostro quotidiano on line e sul nostro free press più guardagni? Da quest’anno, infatti, è stato approvato il cosiddetto Bonus Pubblicità che permette alle imprese, ai lavoratori autonomi e agli enti non commerciali di usufrire di un credito d’imposta in relazione agli investimenti pubblicitari incrementali effettuati sulla stampa. L’ammontare del beneficio Il credito d’imposta è pari al 75% del valore incrementale degli investimenti effettuati e, addirittura, del 90% nel caso si tratti di microimprese, piccole e medie imprese e start-up innovative.