Galliate Provincia

Galliate, arriva la tariffazione puntuale per diventare più virtuosi

La sperimentazione prenderà il via a marzo 2020 e durerà un anno. A spiegare tutti i dettagli l'assessore Corrado Frugeri

Dal 73% all’80% di differenziazione del prodotto. Questo l’obiettivo del Comune di Galliate che a partire dal mese di marzo 2020 darà il via a un anno sperimentale di tariffazione puntuale.

 

 

Un segnale forte nel segno del rispetto dell’ambiente e con potenziale per un ampio risparmio per le tariffe.  Un esperimento che riguarderà la frazione organica, quindi l’umido e il “sacco nero”, quindi l’indifferenziato. Plastica, vetro e carta non subiranno invece modifiche.

A partire dal 27 gennaio 2020 all’ex macello comunale di via Peroni verrà distribuito ai galliatesi tutto il materiale: informativo innanzitutto (oltre agli incontri in programmai Castello: il 18 dicembre alle 21, il 18 gennaio alle 10, il 21 gennaio alle 18 e il 23 gennaio alle 21), e poi 26 sacchi di raccolta indifferenziata dotati di microchip e anche un contenitore dell’umido un po’ più grosso. Galliate si era già interessata alla tariffazione puntuale diverso tempo fa, durante l’amministrazione Ferrari e ha proseguito il percorso di analisi e riflessione per arrivare alla scelta di provarci davvero.

I dati

«Un galliatese in media consuma 130 kg di indifferenziata, – spiega l’assessore Corrado Frugeri, che sta seguendo il progetto molto da vicino – questi 130 kg possono essere ancora raffinati in modo tale che i prodotti possano essere indirizzati verso sistemi di gestione virtuosi. Con la tariffazione puntuale vogliamo far sì che il consumo annuo diventi di 50 kg, per passare così dal 73% all’80% e io credo che questa cifra possa anche essere superata». Deve essere un lavoro di sinergia: il Comune offre i metodi, il cittadino si impegna a utilizzare questi metodi. In questo modo i passaggi di raccolta dell’indifferenziato, ora 52 in un anno, diventano 26, la metà e si punta naturalmente a diminuire anche le raccolte della frazione organica, al momento 104.

Le considerazioni

«Con questo metodo il sacchetto è legato in modo univoco all’utenza e su questa utenza c’è un controllo. Così facendo tutti dovremmo riuscire a farcela. E’ un passo avanti, una scelta e un cambiamento che sicuramente avrà bisogno di un periodo di rodaggio e manifesterà dei dubbi fra i cittadini, ma prima di essere assessore sono un cittadino galliatese con una famiglia e quindi conosco molto bene le abitudini delle persone, è soltanto questione di impegno». Una novità importante: «Se riduco il peso che porto in discarica, riduco i costi, brucio meno, inquino meno. E’ un cambiamento che porta con sé diverse note positive».

Per aiutare i cittadini c’è anche l’applicazione per smartphone, Junker: scansionando il codice a barre presente sulla confezione del prodotto da gettare, appaiono le indicazioni per differenziare. «Questo 2020 sarà un anno di sperimentazione, siamo aperti a migliorie e suggerimenti. Faremo formazione e informazione, ci saranno casi specifici, pensiamo agli esercizi commerciali, ad alcune situazioni famigliari, ma lavoreremo per raggiungere insieme l’obiettivo». Timori per chi farà il furbetto? «Purtroppo chi non fa la differenziata oggi, non la farà domani e i maleducati ci sono sempre, ma vogliamo dare il giusto indirizzo ed essere fiduciosi. Il Consorzio ci sta aiutando tanto e sarà al nostro fianco per tutta la sperimentazione. Vogliamo alzare l’asticella e tra le idee ci sono anche lezioni nelle scuole, a partire dalla materna: sono i bambini il nostro futuro».

A gestire l’argomento sarà anche la commissione Ambiente, nominata giovedì sera, 28 novembre, in consiglio comunale, e formata da Giuseppe Campanella e Letizia Gatti (in rappresentanza di maggioranza e minoranza), Cristina Avvignano, Carlo Alberto Vella, Elisabetta Molteni, Giuseppe Lisoni e Cristina Paglino (componenti espressi dalla società civile), Roberto Vellata e Francesco Barbieri (indicati dalle associazioni ambientaliste del territorio).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Consigliati