Culture Provincia Romagnano Sesia

Passione di Romagnano, la tradizione si rinnova per la 260esima volta

La Sacra Rappresentazione è stata istituita nel 1729 dalla Confraternita del Santissimo Enterro. Appuntamento da stasera alle 21 in piazza Cavour

Tra storia, fede e tradizione ha inizio questa sera a Romagnano Sesia la 260esima edizione de “Il Venerdì Santo”, la Sacra Rappresentazione della Passione di Gesù Cristo istituita dalla Confraternita del Santissimo Enterro (dallo spagnolo “entierro” ovvero sepoltura, il 17 aprile 1729) e riproposta con cadenza biennale negli anni dispari dal 1971.

Modificata nel corso dell’Ottocento e ancora all’inizio del Novecento, la rappresentazione oggi consiste nella riproposizione itinerante dei 14 quadri della Passione lungo le strade e le piazze del paese e delle due storiche processioni del venerdì, al mattino e alla sera, l’una caratterizzata da Cristo vivo in catene e l’altra dal Cristo morto, accompagnato nelle stazioni dai personaggi testimoniati nei Vangeli.

 

 

Vari luoghi dell’antico borgo, che conservano ancora l’aspetto medievale come ad esempio piazza Cavour a ridosso della torre o le vie di accesso a piazza Libertà, vengono allestiti per l’occasione e oltre trecento attori in costumi d’epoca – tutti abitanti del paese – interpretano i personaggi della Passione.

Parte fondamentale della sacra rappresentazione sono gli spettatori che partecipano, integrandosi, alla corale manifestazione: «Si tratta di una “reliquia vivente del passato” che costituisce per tutti coloro che vi assistono un momento di grande suggestione e fascino. Oggi ha acquisito anche una valenza culturale e turistica – sottolinea Michele Pettinaroli, governatore di questa edizione in quanto Priore della Confraternita dell’Entierro, preposta all’organizzazione – ma il “Venerdì Santo” testimonia l’importanza della persistenza e il forte radicamento antropologico degli antichi riti che coinvolgevano emotivamente i fedeli attraverso una visione concreta dei dolori del Cristo».

Questa sera l’appuntamento è dalle 21 in piazza Cavour con il Quadro I “Cospirazione del Sinedrio e patto con Giuda”, Quadro II “Ultima cena – Lavanda dei Piedi – Istituzione dell’Eucarestia (Palazzo Curioni) Dal cenacolo al Getsemani; Quadro III “L’Orto del Getsemani” (Parco della Rimembranza).

I biglietti d’ingresso si potranno acquistare alle biglietterie presenti nelle vie di accesso al borgo dopo aver parcheggiato. Orari di apertura delle biglietterie: giovedì 18 aprile dalle ore 19.30; venerdì 19 aprile dalle ore 13.30, inizio Rappresentazioni ore 15.00; sabato 20 aprile – dalle ore 19.30,
inizio Rappresentazioni ore 21.00; domenica 21 aprile – dalle ore 19.30, inizio Rappresentazioni ore 20.30.

Prezzi biglietti: giovedì sera 6 , venerdì pomeriggio 8 euro, sabato sera 7 euro; domenica sera 10 euro. Ingresso libero per ragazzi sotto i 12 anni. Non si effettuano prevendite.

Per il programma dettagliato, visitare sito www.venerdisanto.org/index.php/programma

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Consigliati

AdnKronos

Luglio e agosto i mesi più critici

Luglio e agosto i mesi più critici

A rischio normali adolescenti che non percepiscono il pericolo Napoli, 14 giu. (AdnKronos Salute) – Con l’inizio delle vacanze scolastiche,